Contenuto sponsorizzato

"Esco a comprare le sigarette", l'Arma lo acciuffa, era evaso dagli 'arresti domiciliari'

Tre persone pizzicate per aver superato il limite del tasso alcolemico, mentre un trentino e un rumeno sono stati fermati dai carabinieri rispettivamente per reati contro il patrimonio e divieto di ritorno nel comune di Trento

Pubblicato il - 17 agosto 2017 - 12:16

TRENTO. Nel Comune di Trento sono state staccate tre contravvenzioni per altrettanti automobilisti sorpresi con tasso alcolemico compreso tra 0,8 e 1,5 grammi per litro per i quali i carabinieri hanno disposto la confisca del mezzo.

 

Nella zona del centro storico sono state invece oltre 80 le persone controllate tra il 14 e 16 agosto, senza dimenticare la verifica del rispetto delle disposizioni impartite ai soggetti che si trovano agli 'arresti domiciliari'. Nell'ambito di queste attività un uomo è risultato assente e l'Arma di Madruzzo lo ha denunciato per evasione: la persona avrebbe tentato di giustificarsi dicendo che era andato a comprare delle sigarette poiché non presenti nel tabaccaio del Comune dove ha la residenza. 

 

I servizi perlustrativi condotti dai militari si sono concentrati anche e soprattutto sul controllo del territorio e sulla prevenzione dei reati predatori, specie furti in abitazione in un periodo in cui molte delle abitazioni sono prive dei proprietari che si trovano in villeggiatura.

 

Infine un 20enne trentino, già noto alle forze dell'ordine , per la commissione di reati contro il patrimonio, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in esecuzione ordinanza del giudice Tribunale di Trento, mentre un 22enne rumeno denunciato per inosservanza del divieto di ritorno nel comune di Trento emesso nell'ottobre 2014 dalla Questura di Trento. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato