Contenuto sponsorizzato

E voi avete nominato l'erede dell'account di Facebook?

Attualmente, quando un utente muore, il social non elimina l’account ma lo trasforma in una pagina versione commemorativa. L’unico modo per eliminarlo è avere la password del defunto, effettuare il login e poi chiuderlo. Adesso l'"erede" potrà rispondere alle nuove richieste di amicizia e aggiornare l'immagine del profilo

Pubblicato il - 28 ottobre 2016 - 15:45

TRENTO. Facebook, il social network che ha circa 1,65 miliardi di utenti, entro il 2098, secondo alcune stime, si trasformerà nel più grande cimitero del mondo.

 

Attualmente, quando un utente muore, il social non elimina l’account ma lo trasforma in una pagina versione commemorativa. L’unico modo per eliminarlo è avere la password della persona morta, effettuare il login e poi chiuderlo.

 

Ma sono poche le persone che rivelano la loro password, per cui è più probabile che la pagina continui a esistere per molto tempo.

 

Ecco allora che il social di Mark Zuckerberg ha cercato di aggirare il problema chiedendo di nominare, prima di morire, un “Legacy Contact”, una sorta di erede esecutore online della volontà della persona ormai non più in vita.

 

Tutti lo possono fare. Basta andare su Impostazioni di protezione" del proprio account e scegliere l'opzione "Contatto erede". Gli utenti possono designare un parente o amico di Facebook come contatto che avrà facoltà di gestirne l'account dopo la morte.

 

Si potrà anche scegliere, in alternativa, che l'account sia cancellato, oppure ancora che sia "congelato".

 

Un contatto “erede” è una persona che, come già spiegato, viene scelta per gestire il proprio account se quest'ultimo viene reso commemorativo. Le attività che potrà eseguire l'erede sono: scrivere un post fissato in alto nel profilo della persona morta (ad es. per condividere un messaggio finale a nome del defunto o fornire informazioni su un evento commemorativo); rispondere alle nuove richieste di amicizia (ad es. vecchi amici o parenti che non erano ancora iscritti a Facebook); aggiornare l'immagine del profilo e di copertina. Sarà consentito anche di scaricare una copia dei contenuti condivisi su Facebook.

 

Il contatto erede non potrà, invece, accedere all'account del defunto, rimuovere o modificare post, foto e altri contenuti condivisi nel suo diario; leggere i messaggi e rimuovere gli amici.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 06:01

E questa emergenza Covid-19 ha portato in luce pregi e difetti della Dad. Una professoressa: "Stabilizzarsi tramite il concorso? In Trentino sembra che non sia possibile". La sindacalista Cinzia Mazzacca: "A rischio la continuità didattica in molte scuole della nostra provincia, un docente potrebbe trasferirsi in un altro territorio"

27 maggio - 08:58

I due escursionisti stavano risalendo il Canalone Neri, sulle Dolomiti di Brenta, quando uno dei due è scivolato per diverse centinaia di metri. I soccorritori non hanno potuto fare nulla

26 maggio - 17:13

Nella riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal commissario del governo Sandro Lombardi, si è stabilita la rimodulazione delle forze di polizia, tornate a svolgere le proprie normali attività. Sulla movida, invece, previsto un rafforzamento di controlli nel corso del fine settimana, con agenti e militari che saranno impegnati in un'opera di monitoraggio e informazione. Il prefetto: "La situazione è più tranquilla che in altre città. Ma se i trentini non rispetteranno le regole useremo il pugno duro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato