Contenuto sponsorizzato

Gli cede l'appiglio e precipita per 25 metri, grave guida alpina

E' successo nella Valle del Sarca. L'uomo, un tedesco di 48 anni, era in cordata sulla Parete di Padaro. Dopo la caduta ha sbattuto violentemente contro le rocce riportando un grave trauma cranico

Pubblicato il - 27 settembre 2016 - 18:24

ARCO. Gli è ceduto l'appiglio ed è precipitato per circa 25 metri finendo per sbattere violentemente contro le rocce. E' successo questa mattina una esperta guida alpina tedesca mentre stava scalando la Parete di Padaro nella valle del Sarca. L'uomo, di 48 anni, si stava arrampicando lungo la "Via Apollo" assieme ad un cliente austriaco quando si è verificato l'imprevisto.

 

Superato il secondo tiro di corda e iniziato il terzo, è improvvisamente ceduto un appiglio e la guida alpina che procedeva da primo di cordata è volata per circa 20-25 metri, sbattendo violentemente contro la roccia sottostante e procurandosi un grave trauma cranico.

 

Il compagno di cordata, nonostante lo shock, è riuscito a chiamare i soccorsi, telefonando al 118. L’area operativa Trentino meridionale, di concerto con la Centrale unica di emergenza, ha quindi richiesto l’immediato intervento dell’elicottero e a supporto una squadra di terra. Giunti sul posto il ferito è stato  recuperato in parete con il verricello e poi affidato alle immediate cure del medico rianimatole e trasportato d’urgenza all’ospedale Santa Chiara di Trento. Al momento le condizioni dell'uomo restano molto gravi. La prognosi è riservata e dopo l'operazione sarà ricoverato nel reparto di rianimazione.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato