Contenuto sponsorizzato

Gli cede l'appiglio e precipita per 25 metri, grave guida alpina

E' successo nella Valle del Sarca. L'uomo, un tedesco di 48 anni, era in cordata sulla Parete di Padaro. Dopo la caduta ha sbattuto violentemente contro le rocce riportando un grave trauma cranico

Pubblicato il - 27 settembre 2016 - 18:24

ARCO. Gli è ceduto l'appiglio ed è precipitato per circa 25 metri finendo per sbattere violentemente contro le rocce. E' successo questa mattina una esperta guida alpina tedesca mentre stava scalando la Parete di Padaro nella valle del Sarca. L'uomo, di 48 anni, si stava arrampicando lungo la "Via Apollo" assieme ad un cliente austriaco quando si è verificato l'imprevisto.

 

Superato il secondo tiro di corda e iniziato il terzo, è improvvisamente ceduto un appiglio e la guida alpina che procedeva da primo di cordata è volata per circa 20-25 metri, sbattendo violentemente contro la roccia sottostante e procurandosi un grave trauma cranico.

 

Il compagno di cordata, nonostante lo shock, è riuscito a chiamare i soccorsi, telefonando al 118. L’area operativa Trentino meridionale, di concerto con la Centrale unica di emergenza, ha quindi richiesto l’immediato intervento dell’elicottero e a supporto una squadra di terra. Giunti sul posto il ferito è stato  recuperato in parete con il verricello e poi affidato alle immediate cure del medico rianimatole e trasportato d’urgenza all’ospedale Santa Chiara di Trento. Al momento le condizioni dell'uomo restano molto gravi. La prognosi è riservata e dopo l'operazione sarà ricoverato nel reparto di rianimazione.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato