Contenuto sponsorizzato

Grisenti condannato per "danni d'immagine" all'A22: dovrà pagare 60 mila euro

Lo ha deciso la Corte dei Conti. Dovrà risarcire la Regione (30 mila euro), la Provincia (25 mila euro) e il Comune di Trento (5 mila euro) per i "danni" che avrebbe procurato a seguito dell'inchiesta "Giano Bifronte"

Pubblicato il - 24 novembre 2016 - 12:13

TRENTO. Un danno d'immagine da 60.000 euro. A tanto ammonta il risarcimento deciso dalla Corte dei Conti di Trento ai soci trentini dell'Autostrada del Brennero - Regione, Provincia e Comune - a seguito della condanna definitiva per l'ex presidente di A22 per corruzione nell'ambito dell'inchiesta 'Giano Bifronte'.

 

La Corte dei Conti, dunque, non ha dato l'ok ai 100 mila euro richiesti dall'accusa, ma ha comunque decretato un notevole danno d'immagine che andrà così ripartito: 30 mila euro alla Regione, 25 mila alla Provincia e 5 mila al Comune di Trento. La vicenda è nota: il 9 marzo 2015 la Cassazione conferma la sentenza della Corte d'appello di Bolzano. Grisenti condannato a un anno di reclusione per corruzione, truffa e tentata violenza privata.

 

L'ex assessore ai trasporti, è stato accertato, aveva pagato tre pranzi (per una spesa di 900 euro) a membri della Margherita utilizzando la carta di credito dell'A22 e aveva cercato di costringere la cooperativa emiliana Ccc a ritirare un ricorso al Tar contro l'aggiudicazione di un appalto. L'arma usata da Grisenti, in quel caso sarebbe stata proprio l'Autostrada del Brennero. La pressione veniva esercitata minacciando conseguenze su futuri appalti per l'A22.

 

Gli avvocati di Grisenti ora valuteranno il ricorso in appello.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 20:51

Sono 446 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 219 positivi a fronte dell'analisi di 3.955 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

28 novembre - 22:40

Il conducente di 22 anni di Caderzone Terme ha improvvisamente perso il controllo del mezzo per finire contro alcuni alberi a lato strada e poi cappottarsi. Una 15enne è morta sul colpo, gravi gli occupanti dell'abitacolo

28 novembre - 20:00

A livello territoriale, attualmente non ci sono Comuni che entrano in zona rossa, mentre per Castello Tesino, Baselga di Pinè e Bedollo le stringenti limitazioni sono agli sgoccioli. Fugatti: "C'è qualche caso ma sono territori ben sotto i mille abitanti e quindi li prendiamo in considerazione perché contagio è circoscritto"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato