Contenuto sponsorizzato

Il sindaco affronta il problema Santa Maria con i Toi Toi? Solo l'ennesima 'voce' falsa

Si sta diffondendo sui social la foto di bagni chimici posizionati a fianco alla chiesa di Piazza Santa Maria associandoli a un'ipotetica strategia dell'amministrazione per combattere il problema degrado. E' un fake. I bagni non ci sono

Di Luca Pianesi - 26 settembre 2016 - 12:27

TRENTO. Ci risiamo. In queste ore su Facebook sta circolando un'immagine della storica chiesa di Santa Maria Maggiore con a fianco due Toi Toi, due gabinetti igienici. Per il "giornale che sente le voci" sarebbe questa la nuova soluzione per combattere il degrado scelta dal sindaco di Trento. Sopra la foto, infatti, si trova il titolo "Piazza Santa Maria Maggiore: dalla padella alla brace. Le soluzioni del sindaco" e nel testo dell'articolo, l'anonimo autore, che "ora sono comparsi due gabinetti igienici e le panchine sono state fissate al suolo". "È il primo caso in Italia di Toy Toy in pieno centro storico", prosegue.

 

Notizia. Notiziona. L'amministrazione non solo non risolve il problema del quartiere di Santa Maria, uno dei più belli della città e al tempo stesso uno dei più problematici, come tutti ormai sappiamo bene, ma anche i bagni pubblici a spacciatori, ubriaconi e balordi che ogni sera rendono invivibile la zona. Saremmo effettivamente all'assurdo. Siamo andati lì, allora, quasi in tempo reale a verificare la cosa e magari a raccogliere reazioni e informazioni dagli esercenti e dai residenti della zona. Abbiamo fatto il giro alla chiesa due tre volte. Ma di bagni chimici neanche l'ombra. La foto che gira non è attuale. I bagni chimici non ci sono. Risalgono probabilmente agli scorsi giorni quando a Trento si sono susseguiti eventi e manifestazioni, dalla Festa della Croce Bianca a Vivi Park, per arrivare al Giubileo dei malati. E la cosa ce l'ha confermata anche l'assessore comunale Gilmozzi: "Non esiste. L'amministrazione non centra niente. Ieri c'erano dei bagni pubblici anche in Piazza Duomo. Sono le associazioni e gli organizzatori degli eventi che mettono i toy toy per dare un servizio. Ma come li mettono poi li tolgono".

 

Non è questa, dunque, per fortuna, la strategia intrapresa dall'amministrazione per affrontare il problema criminalità e degrado in Santa Maria. L'ennesimo fake in salsa populista di chi insegue le voci e nei suoi articoli cita sempre e solo "un residente" che gli avrebbe inviato le foto via e-mail e altri "residenti" che spiegherebbero di non farcela più e aggiungerebbero "non crediamo sia una risposta accettabile e rassicurante. Altro che due Toy toy".

 

Ora la realtà è indubbiamente quella di residenti ormai esasperati, giunti allo strenuo delle forze, che non ce la fanno più perché il degrado della zona ha superato ogni soglia di guardia. Muoversi nel quartiere la notte è quasi impossibile e la situazione è, oggettivamente, non più sopportabile. Al sindaco, quindi, si chiedono soluzioni concrete e rapide (sperando che risolva il prima possibile anche i suoi problemi in giunta). Ma far circolare le voci non aiuta a risolvere i problemi. Anzi li incancrenisce e allontana possibili soluzioni condivise, le uniche in grado di permettere ad amministrazione e cittadinanza di fare squadra per strappare uno dei quartieri più belli e centrali di Trento alle mani di balordi e criminali. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

21 ottobre - 12:32

Mentre le regioni e le province autonome stanno decidendo nuove misure per frenare il contagio, il governo pensa a limitazioni che uniformino tutto il Paese. Si va verso la chiusura degli spostamenti fra i territori regionali e il coprifuoco per impedire gli assembramenti notturni

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato