Contenuto sponsorizzato

La Piazza dei Sapori spegne 18 candeline e si rinnova fra specialità, tradizione e seminari

Da giovedì 6 a domenica 9 ottobre in Piazza Fiera stand con cibi tipici, seminari e laboratori, una sfida di dolci vegani e di cake deisgn e un'area ristoro attiva da colazione a cena. Marsilli: "Il cibo di qualità è salute"

Di Luca Andreazza - 04 ottobre 2016 - 14:07

TRENTO. “La Piazza dei Sapori” (Qui il programma) diventa maggiorenne e per festeggiare questo traguardo nel lungo week-end da giovedì 6 a domenica 9 ottobre porta in Piazza Fiera tante novità.

 

“E' sempre un'emozione – spiega Milo Marsilli, presidente della macchina organizzativa di Keeptop Fiere – presentare un evento, soprattutto in questo caso. La 'Piazza dei Sapori' è infatti una manifestazione fra le più riconosciute nel settore per importanza e longevità. Tante proposte e molte novità per solleticare la papille gustative dei trentini. Questa edizione inaugura inoltre un nuovo stile tradizione, tipicità e artigianalità conditi da conferenze, passeggiate e nutrizionisti”.

 

La Piazza dei Sapori oltre alla nutrita proposta di cibi e bevande, propone un'opportunità di confronto culturale sull'enogastronomia e le nuove tendenze alimentari. “Il cibo non è solo corpo – conferma Alena Bruschetti di Keeptop Fiere - ma anche mente e anima. Cibo di qualità significa salute. Questa edizione prevede inoltre un'Area ristoro per mangiare in compagnia e gustare la cucina siciliana, vegana oppure trentina. Lo slogan della 'Piazza dei Sapori' è 'Una passeggiata per nutrirsi' perchè dopo aver mangiato è importante muoversi, in questo caso grazie alle camminate organizzate con l'Associazione Italiana di nordic walking. Sono tante altre le novità, come l'incontro di prevenzione dei disturbi alimentari con l'Azienda Sanitaria, i laboratori artistici a cura del Mart, il concorso di dolci “cake deisgn” e “dolci vegan”, senza dimenticare i seminari sulla buona educazione culinaria spiegati da rinomati nutrizionisti”.

 

Il settore della ristorazione in Italia è caratterizzata da un grande numero di piccole imprese, indipendenti e famigliari e mostra un trend di crescita del mercato: un mondo che ha saputo reggere meglio alla crisi e che vale circa 75 miliardi, si stima che il 33% dei consumi totali di alimenti e bevande avviene fuori casa: “Siamo felici di appoggiare una manifestazione così importante – afferma Massimiliano Peterlanda, presidente di Confesercenti -. Il settore è in salute e rappresenta una fetta importante del nostro pil. Per questo non possiamo che sostenere un evento che crea movimento, interesse e turismo”.

 

Negli stand si potranno assaggiare e acquistare prodotti diversi fra le specialità proveniente da ogni regione dello Stivale italiano. “ Gli ingredienti di Keeptop Fiere sono di qualità – conclude l'assessore Roberto Stanchina - E' grazie a queste aziende che si ragiona sul centro espositivo del capoluogo con grande attenzione. Eventi come la 'Piazza dei Sapori' migliora inoltre la sicurezza cittadina. In questo caso specifico, il cibo migliora inoltre la qualità della vita e offre la possibilità di scoprire storie, sorrisi e famiglie importanti nella ristorazione. Si vive un'esperienza culturale”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

24 ottobre - 11:01

I contagi continuano ad aumentare e l'allarme è stato lanciato anche dall'Istituto superiore di sanita che spiega come sono: "necessarie misure, con precedenza per le aree maggiormente colpite, che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleggerire la pressione sui servizi sanitari"

23 ottobre - 19:28

Al question time di Filippo Degasperi l'assessore ha risposto in maniera piuttosto fumosa. Lettera da Folgaria per chiedere maggiore trasparenza e spiegazioni: ''Penso che Failoni sia stato male informato dai suoi collaboratori o che forse si sia incautamente fidato dei propri interlocutori a Trento e a Folgaria. Altrimenti non avrebbe detto, leggendo la sua risposta, che “risulta in stato di avanzata attuazione” la raccolta di 2 milioni di euro avviata nella primavera scorsa''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato