Contenuto sponsorizzato

A Levico un cannone spara-profumo per coprire gli odori del depuratore

Interrogazione alla giunta del consigliere Cia: "Ha causato bruciore agli occhi a un operaio"

Di Donatello Baldo - 11 ottobre 2016 - 20:01

TRENTO. Il consigliere Claudio Cia quando sente, politicamente parlando, puzza di bruciato, di marcio o di qualsiasi altro lezzo arriva subito. E subito interroga la giunta come si conviene a un membro dell'opposizione. Questa volta l'odore molesto proviene dall'impianto di depurazione di Levico Terme. In questo caso però non si tratterebbe di lezzo ma di un piacevole olezzo "che metterebbe in particolare disagio gli operai del vicino CRM e i cittadini che vi conferiscono i rifiuti urbani". Qualcuno, secondo le fonti del consigliere di Agire, "ha pensato di installare un diffusore di deodorante, una sorta di cannone spara profumo, del tipo identico a quelli che vengono usati per innevare con neve artificiale le piste da sci".

 

"Mi è stato riferito - scrive nell'interrogazione -  di un episodio che sarebbe occorso ai danni di un operaio del CRM che avrebbe accusato bruciore agli occhi in seguito dell'esposizione a quel profumo". Il consigliere riferisce che "non è stata soddisfatta la richiesta di visionare la scheda tecnica del prodotto che veniva irrorato sopra le vasche di essiccazione dei fanghi che a Levico vengono smaltiti da altri depuratori".

 

A preoccupare Caludio Cia anche questo particolare: "Oltre al CRM, tutto intorno alla zona interessata da quella operazione deodorante, vi sono campi di mais che avranno probabilmente una finalità alimentare. Ma ciò che più incuriosisce e che motiva la presente interrogazione - scrive Cia - è che quando la questione è divenuta pubblica si sia provveduto immediatamente a fermare l’impianto deodorante".

 

Alla giunta il consigliere chiede informazioni, se l'amministrazione ne fosse a conoscenza e "quali costi siano stati sostenuti per installare il diffusore di deodorante".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 19:25

Siamo riusciti ad assistere alla commissione dopo l'esito di una votazione grazie all'ok di 5 consiglieri contro 2. All'interno si è parlato di Santa Chiara, di Lucio Gardin e della candidatura a sindaco di Trento di Divina. Si è parlato dei tagli delle risorse (-15%) e di feste vigiliane. Ecco cosa è successo

29 gennaio - 20:19

Francesca Businarolo esulta dopo che il governatore Zaia avrebbe chiesto di far ritirare la proposta di taglio del parco naturale addirittura del 18% della sua estensione. Una vittoria dei cittadini e delle 10.000 persone che hanno aderito alla camminata per fermare questa operazione

29 gennaio - 16:12

La decisione è arrivata ieri sera in consiglio comunale durante la discussione di una mozione presentata dal consigliere di Altra Trento a Sinistra Jacopo Zannini. Dall'ottobre del 2018 i richiedenti protezione internazionale, infatti, non possono più iscriversi all'anagrafe. Si attende anche la sentenza della Corte costituzionale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato