Contenuto sponsorizzato

A Levico un cannone spara-profumo per coprire gli odori del depuratore

Interrogazione alla giunta del consigliere Cia: "Ha causato bruciore agli occhi a un operaio"

Di Donatello Baldo - 11 ottobre 2016 - 20:01

TRENTO. Il consigliere Claudio Cia quando sente, politicamente parlando, puzza di bruciato, di marcio o di qualsiasi altro lezzo arriva subito. E subito interroga la giunta come si conviene a un membro dell'opposizione. Questa volta l'odore molesto proviene dall'impianto di depurazione di Levico Terme. In questo caso però non si tratterebbe di lezzo ma di un piacevole olezzo "che metterebbe in particolare disagio gli operai del vicino CRM e i cittadini che vi conferiscono i rifiuti urbani". Qualcuno, secondo le fonti del consigliere di Agire, "ha pensato di installare un diffusore di deodorante, una sorta di cannone spara profumo, del tipo identico a quelli che vengono usati per innevare con neve artificiale le piste da sci".

 

"Mi è stato riferito - scrive nell'interrogazione -  di un episodio che sarebbe occorso ai danni di un operaio del CRM che avrebbe accusato bruciore agli occhi in seguito dell'esposizione a quel profumo". Il consigliere riferisce che "non è stata soddisfatta la richiesta di visionare la scheda tecnica del prodotto che veniva irrorato sopra le vasche di essiccazione dei fanghi che a Levico vengono smaltiti da altri depuratori".

 

A preoccupare Caludio Cia anche questo particolare: "Oltre al CRM, tutto intorno alla zona interessata da quella operazione deodorante, vi sono campi di mais che avranno probabilmente una finalità alimentare. Ma ciò che più incuriosisce e che motiva la presente interrogazione - scrive Cia - è che quando la questione è divenuta pubblica si sia provveduto immediatamente a fermare l’impianto deodorante".

 

Alla giunta il consigliere chiede informazioni, se l'amministrazione ne fosse a conoscenza e "quali costi siano stati sostenuti per installare il diffusore di deodorante".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 16:50
Sono stati analizzati 2.123 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 28 casi tra over 60 e 11 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci [...]
Cronaca
20 aprile - 15:50
A Bolzano si attende il prossimo 26 aprile per le riaperture dei locali, ma anche negli spazi interni. Kompastcher: "L'approccio deve essere [...]
Cronaca
20 aprile - 13:31
Nel mirino anche l'ultima delibera della Pat per le aperture all'esterno: "La Giunta ha dato un contentino ridicolo: le temperature nelle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato