Contenuto sponsorizzato

Prima usa un mattone e poi ventre a terra elude l'allarme: spaccata al Cadin Sport

Ladri in azione in via Palermo a Trento. Piegato il vetro antisfondamento della porta d'ingresso e rubato il fondo cassa di circa 500 euro. Il titolare: "Sapevano dove erano posizionati i sensori"

Di Luca Pianesi - 13 ottobre 2016 - 16:20

TRENTO. Un altro furto, un altro negozio colpito. Questa volta è successo al Cadin Sport in via Palermo. Solo una settimana fa, infatti, avevamo documentato la spaccata avvenuta al Glò Calzature e Camiceria in via Galilei con un tombino usato come ariete per sfondare la vetrina. Questa volta i ladri hanno usato un pesante mattone per creare una grossa crepa nel vetro antisfondamento della porta d'ingresso del negozio sportivo che poi hanno piegato, probabilmente a suon di calci.

 

"Il ladro o i ladri, non sappiamo se fossero più di uno, ha quindi creato un pertugio - ci racconta il titolare del negozio Giorgio Cadin - tra il vetro e la cornice della porta e si è intrufolato all'interno. La cosa incredibile è che è riuscito a non far scattare l'allarme. Sicuramente era già stato nel nostro negozio e si era accorto che i sensori sono posti all'altezza delle gambe. Si è quindi appiattito ed è riuscito ad intrufolarsi all'interno strisciando pancia a terra. Io stesso ho provato a riprodurre il movimento ma non sono riuscito a non far scattare l'antifurto. Evidentemente era un tipo minuto. A quel punto è arrivato al banco e si è portato via il fondo cassa di circa 400-500 euro. Poca cosa - conclude Cadin - ma resta il danno e la sensazione di essere stati rapinati che non è bella".

 

I negozianti si sono accorti del furto intorno alle 7.15 di questa mattina ed hanno subito allertato la polizia e provveduto a denunciare l'accaduto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 15:00

E' successo poco prima di mezzanotte, sul posto  una volante della squadra mobile e la polizia locale. Due denunce 

16 luglio - 13:01

Dopo i tanti comitati locali e associazioni ambientaliste intervenuti per denunciare i pesanti interventi sulle montagne di Cortina, anche il Cai Veneto ha deciso di scendere in campo lanciando un allarme per la "pressione ambientale insostenibile" sulle montagne di Cortina. Nelle settimane scorse, i mondiali di sci erano stati confermati per il 2021

16 luglio - 13:05

Questi paesi si aggiungono a Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del nord, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana e il divieto comprende tutti i mezzi di trasporto. Restano però aperti i collegamenti con gli Stati Uniti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato