Contenuto sponsorizzato

Prima usa un mattone e poi ventre a terra elude l'allarme: spaccata al Cadin Sport

Ladri in azione in via Palermo a Trento. Piegato il vetro antisfondamento della porta d'ingresso e rubato il fondo cassa di circa 500 euro. Il titolare: "Sapevano dove erano posizionati i sensori"

Di Luca Pianesi - 13 ottobre 2016 - 16:20

TRENTO. Un altro furto, un altro negozio colpito. Questa volta è successo al Cadin Sport in via Palermo. Solo una settimana fa, infatti, avevamo documentato la spaccata avvenuta al Glò Calzature e Camiceria in via Galilei con un tombino usato come ariete per sfondare la vetrina. Questa volta i ladri hanno usato un pesante mattone per creare una grossa crepa nel vetro antisfondamento della porta d'ingresso del negozio sportivo che poi hanno piegato, probabilmente a suon di calci.

 

"Il ladro o i ladri, non sappiamo se fossero più di uno, ha quindi creato un pertugio - ci racconta il titolare del negozio Giorgio Cadin - tra il vetro e la cornice della porta e si è intrufolato all'interno. La cosa incredibile è che è riuscito a non far scattare l'allarme. Sicuramente era già stato nel nostro negozio e si era accorto che i sensori sono posti all'altezza delle gambe. Si è quindi appiattito ed è riuscito ad intrufolarsi all'interno strisciando pancia a terra. Io stesso ho provato a riprodurre il movimento ma non sono riuscito a non far scattare l'antifurto. Evidentemente era un tipo minuto. A quel punto è arrivato al banco e si è portato via il fondo cassa di circa 400-500 euro. Poca cosa - conclude Cadin - ma resta il danno e la sensazione di essere stati rapinati che non è bella".

 

I negozianti si sono accorti del furto intorno alle 7.15 di questa mattina ed hanno subito allertato la polizia e provveduto a denunciare l'accaduto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato