Contenuto sponsorizzato

Rave party sopra Volano, denunciate 58 persone. La sindaca: "Segnalata le festa abusiva alle forze dell'ordine già in serata"

Una settantina di persone hanno partecipato all'evento non autorizzato la sera tra lunedì e Ferragosto in località S. Antonio. Gli amministratori e le forze dell'ordine hanno monitorato l'evento. L'assessora alla montagna: "Anche in ore notturne mi sono recata sul posto mettendo a rischio la mia incolumità spinta dal desiderio di far rispettare le regole"

Pubblicato il - 18 August 2017 - 12:52

VOLANO. Alla fine tutto è stato monitorato dalle forze dell'ordine su diretta segnalazione degli amministratori comunali e il rave party si è concluso con 58 persone denunciate e sporcizia e bottiglie abbandonate a bordo strada e sui prati. La festa si è tenuta nella notte di vigilia di Ferragosto sopra Volano nell'area di S. Antonio. Camper, automobili, casse e microfoni sono spuntati nel primo spiazzo che si trova salendo lungo la strada che dalla zona industriale del paese conduce alla montagna Finonchio. Un'area usata anche dalla gente del posto per sagre e piccole feste.

 

Sin dalle 18 di lunedì, però, il via vai di giovani, camper e automobili non è passato inosservato ai volanesi e nemmeno ad alcuni amministratori. Carla Raffaelli, l'assessora comunale alla montagna, su Facebook ha spiegato che "come amministrazione siamo venuti a conoscenza che qualcuno stava utilizzando l'area di S. Antonio senza avere l'autorizzazione. La sindaca ha avvisato le forze dell'ordine, sia in questa occasione che nel precedente rave mi sono recata di persona sul posto anche in ore notturne mettendo a rischio la mia incolumità spinta dal desiderio di far rispettare le regole e i luoghi che appartengono alla nostra comunità e con me anche altri membri dell'amministrazione in primis la sindaca. Abbiamo visto con i nostri occhi i disagi e le problematiche emerse, non siamo rimasti a dormire, ma purtroppo il nostro intervento è parso vano. Sicuramente la questione non finisce qui - ha scritto l'assessora in replica a suoi concittadini che chiedevano spiegazioni - e faremo tutto il possibile affinché questo luogo possa rimanere a disposizione dei nostri cittadini e venga regolarizzato l'utilizzo nel rispetto delle regole e soprattutto della sicurezza di tutti".

 

Già perché alla musica notturna e alla confusione del rave si è aggiunto il disagio della mattina successiva, quella di Ferragosto appunto, per i cittadini di Volano che hanno dovuto assistere al "risveglio" dei nottambuli festaioli, che di fatto occupavano l'area che altrimenti sarebbe stata usata dai residenti per canonici pranzi di Ferragosto, e alle sporcizie abbandonate nella zona. Anche la sindaca Maria Alessandra Furlini ha aggiunto che "già nel pomeriggio dopo le 18.00, appena venuti a conoscenza che c'era della gente che si stava fermando a s.Antonio, sono stati contattati i carabinieri di Calliano, di Rovereto, la polizia e è stato lasciato un messaggio alla questura. La situazione è stata monitorata dalle forze dell'ordine".

 

E allora cosa è stato fatto? Lo spiegano i carabinieri di Rovereto in un comunicato stampa: "Aveva organizzato un rave party di Ferragosto a S. Antonio di Volano, L.P. 45 enne di Trento che su area di proprietà del Comune di Volano aveva radunato una settantina di persone per ferragosto, ma i Carabinieri di Calliano sono intervenuti ed hanno censurato l’iniziativa. L’attività è stata funzionale anche a evidenziare tutti i connessi rischi igienico-sanitari che normalmente si corrono in queste occasioni. 58 le persone complessivamente denunciate alla Procura Lagarina per invasione di terreni pubblici, provenienti dal Veneto, dall’Emilia e dalla Lombardia, oltre che ovviamente dal Trentino. Inoltre l’organizzatore veniva deferito anche per le violazioni relative all’aver organizzato un intrattenimento danzante, in luogo pubblico, senza i minimi requisiti e autorizzazioni".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 18:37

Il rapporto contagi/residenti a Giovo continua a rimanere sopra il 3% così il presidente della Pat firmerà a breve l’ordinanza per far scattare nuove misure. Fugatti: “Per le scuole medie non cambia nulla per il resto si applicano le restrizioni da zona rossa”. L’ordinanza in vigore da alla mezzanotte di giovedì

03 March - 18:15

Il contagio torna a mettere in difficoltà il sistema sanitario in Trentino con 47 ricoveri in terapia intensiva (il massimo della seconda ondata era stato 53) e altre 3 persone in alta intensità. Chiuse altre 6 classi

03 March - 16:25

Battiston lo aveva annunciato e così è stato: in una settimana i contagi in Trentino sono aumentati del 30% ma nei prossimi 7 giorni la situazione potrebbe persino essere peggiore. Secondo Agenas sia gli infetti attivi che i posti letto occupati in terapia intensiva sono destinati ad aumentare in maniera significativa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato