Contenuto sponsorizzato

Sicurezza a Trento, Piazza Dante non sarà recintata. Nei piani colonnine di soccorso e nuovi giochi per bambini

La mozione, firmata da tutte le forze politiche, è  frutto del "Gruppo di lavoro per la sicurezza e la vivibilità in centro storico” coordinato dal consigliere comunale di Forza Italia, Cristian Zanetti: "In questi giorni sui giornali s'è letto di tutto ma nessuno ci ha mai nemmeno consultati". Ecco quali saranno gli interventi 

Di Giuseppe Fin - 22 gennaio 2017 - 07:51

TRENTO. L'istallazione di colonnine di soccorso per la richiesta di intervento in caso di pericolo, chioschi nelle piazze che possano vendere prodotti trentini ma anche un incremento delle azioni di disturbo della criminalità e maggiori controlli da parte della Polizia locale.

 

E' un mix di politiche e di azioni che vanno dalla previsione e controllo del territorio alla valorizzazione di iniziative di aggregazione sociale quelle che saranno presentate mercoledì in consiglio comunale dal “Gruppo di lavoro per la sicurezza e la vivibilità in centro storico” coordinato dal consigliere comunale di Forza Italia, Cristian Zanetti.

 

Per piazza Dante nessun pericolo, almeno per ora, di recinti o cancellate come qualcuno ha ventilato in questi giorni ma un progetto (contenuto in una mozione) di respiro più ampio e strutturato che ha ricevuto l'ok da tutte le forze politiche del Consiglio comunale.

 

“Qualcuno ha scritto anche in questi giorni sul fatto che verrà presentato in consiglio comunale la proposta di una cancellata per piazza Dante – ha spiegato il consigliere Zanetti – ma questo non avverrà. Nessuno prima di scrivere queste cose mi ha chiamato. La mozione che in passato prevedeva questo e che io stesso avevo presentato, è stata emendata e in Consiglio arriveremo con un documento di intenti comuni sia della maggioranza che dell'opposizione per il bene della città”.

Il gruppo di lavoro, rappresentativo delle varie forze politiche del consiglio, è nato ad ottobre scorso e fino a dicembre ha svolto un percorso che ha visto una serie ci incontri di ascolto e confronto con i vari attori del centro città che vivono quotidianamente i problemi legati alla sicurezza e vivibilità.

 

Oltre al coordinatore del gruppo, Cristian Zanetti in quota Forza Italia, a prendere parte agli incontri anche Michele Brugnara in quota PD, Renato Tomasi in quota CCD/UPT, Gianni Festini Brosa in quota Lega Nord, Antonio Coradello in quota Civica Trentina, Marco Santini in quota M5S, Eugenio Oliva in quota Progetto Trentino, Antonia Romano in quota Altra Sinistra a Trento, Salvatore Panetta in quota Gruppo Misto, Lucia Coppola (Verdi) e Vittorio Bridi (Lega Nord) in qualità di Presidente e Vice presidente del Consiglio Comunale di Trento.

 

Sono diversi gli interventi contenuti nella mozione richiesti all'Amministrazione comunale. Per quanto riguarda il giardino di piazza Dante si chiede di valutare l’ubicazione di chioschi (casette in legno tipo Mercatino di Natale) per la somministrazione di prodotti alimentari e bevande tipiche del Trentino. Uno spazio per alcune piccole attività economiche che possono contribuire a migliorare la vivibilità e la fruibilità del parco. Sempre per piazza Dante si chiede di prevedere l’installazione di giochi per bambini (tipo casette e castelli in legno, mini golf) nel verde ad ovest della Biblioteca dei Ragazzi, davanti al LiberCafè.

 

Per quanto riguarda Piazza Santa Maria Maggiore, invece, la mozione prevedere sempre l’ubicazione di chioschi (casette come in piazza delle Erbe) per la somministrazione di prodotti e bevande tipiche. Un'adeguata illuminazione viene prevista nel parco di San Marco. Si chiede inoltre di valutare l’istallazione di colonnine di soccorso per la richiesta d’intervento immediato in alcune zone più a rischio della città.

 

Per quanto riguarda l'attività della Polizia urbana la mozione contiene la richiesta di un maggiore impegno nel vigilare affinché le norme del regolamento di polizia e le ordinanze emesse dal sindaco vengano rispettate.

Si chiede al Sindaco, fra le altre cose, di sollecitare le Forze dell'Ordine per effettuare frequenti controlli l'effettuazione di tipo mobile - a piedi - con i cani antidroga nelle ore serali e notturne nelle zone più critiche e un'attività di contrasto all'accattonaggio.

 

Infine la richiesta di una maggiore collaborazione con i cittadini nel controllo della microcriminalità garantendo che alle segnalazioni ed indicazioni fornite venga data una pronta risposta.

“Gli interventi – ha affermato il consigliere Cristian Zanetti – sono stati decise assieme a tutte le forze politiche e da qui la creazione di un documento comune. In consiglio, se lo si tiene necessario, chi lo vorrà potrà presentare degli emendamenti”. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 17:46
L'allerta è scattata alle porte del centro abitato Spormaggiore. In azione ambulanza, elicottero, vigili del fuoco di zona e forze dell'ordine. La [...]
Cronaca
19 aprile - 16:22
Sono stati analizzati 636 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 5 casi tra over 60 e 3 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci sono [...]
Cronaca
19 aprile - 16:08
L'incidente è avvenuto tra l'uscita 6 per Trento Centro e la 7 per Campotrentino proprio sopra il ponte sull'Adige
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato