Contenuto sponsorizzato

Sicurezza nei parchi, la Lega a Melta: "Telecamere e più presidio delle forze dell'ordine, meglio se in borghese"

Il titolare ha segnalato la situazione, anche attraverso i social, e ha sottolineato che vuole difendere l’attività, i suoi dipendenti e le famiglie, ma anche la sicurezza nel parco. La Lega: "Dopo appena un anno dall'apertura, il disagio è massimo"

Pubblicato il - 17 agosto 2017 - 19:20

TRENTO. La Lega Nord del Trentino prosegue il tour attraverso quei parchi cittadini che registrano situazioni di degrado, tappa di giovedì 17 agosto il parco di Melta. Tra gli esponenti del Carroccio presenti al parco, i consiglieri comunali Bruna Giuliani, Vittorio Bridi, Devid Moranduzzo Gianni Festini Brosa, ma anche numerosi consiglieri di circoscrizione e diversi militanti. 

 

"L’ambiente idilliaco del parco - spiegano - che ospita il ristorante Anfora sembra la zona perfetta per un'attività come questa, che offre un servizio a tutti gli utilizzatori dell’area verde. Eppure dopo appena un anno dall’apertura, il disagio è massimo a causa di ripetuti episodi criminosi a danno dell’esercizio e degli utenti".

 

Il titolare, che ha segnalato la situazione, anche attraverso i social, ha sottolineato che vuole difendere l’attività, con i suoi dipendenti e le loro famiglie, sia segnalare la mancata garanzia di sicurezza per gli utilizzatori del parco e delle sue strutture.

 

"La situazione - aggiungono - non è stata semplice fin dal principio poiché la zona è sempre stata a rischio degrado per la presenza storica di vari fenomeni criminosi nelle aree dei campi da calcio. Oggi il titolare del ristorante e gli utenti del parco segnalano decine e decine di episodi di effrazione dei veicoli in sosta, furto di biciclette e anche furti di beni presso il locale".

 

Tra i principali problemi messi in luce, quello dell'impossibilità del controllo di alcune aree del parco, come il parcheggio, per la totale assenza di telecamere per la videosorveglianza, "già chieste - aggiungono - più volte dalla Lega Nord in consiglio circoscrizionale e comunale. Avevamo poi chiesto recentemente l’allargamento dell’area di applicazione del Daspo urbano anche a questa zona, ma la proposta è stata bocciata dalla maggioranza".

 

I rappresentanti istituzionali della Lega Nord hanno ribadito che verrà presentato un apposito documento in consiglio comunale con la richiesta di dotare il parco di telecamere per la videosorveglianza, ma anche maggiori passaggi delle forze dell’ordine, meglio ancora se in borghese. 

 

"Serve un progetto sicurezza per il parco - concludono - all’interno del quale ci sia l’opportunità, oltre a creare una rete di telecamere, di dare maggior visibilità al parcheggio togliendo una parte o tutto il tomo di separazione dell’area di sosta dall’area parco, per prevenire ogni azione criminosa. Infine, data la dimensione dell’area verde, è fondamentale la presenza di uno o più guardiani che ruotino su più parchi della città, in borghese per un maggiore impatto su chi delinque, per garantire il rispetto della legge e ripristinare la buona vivibilità nei polmoni verdi di Trento".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato