Contenuto sponsorizzato

Studenti medi a Trento contro la Buona scuola: "Non siamo in vendita"

Una trentina di studenti si sono ritrovati davanti al palazzo della Provincia ribadendo, fra le altre cose, il proprio "No" al referendum costituzionale di dicembre. Chiudono poi "simbolicamente" la sede del Pd Trentino

Pubblicato il - 07 October 2016 - 16:33

No alla Buona Scuola” e “No al referendum costituzionale”, questi i messaggi che questo pomeriggio il Coordinamento degli studenti medi di Trento ha voluto lanciare aderendo alla manifestazione nazionale “contro ogni forma di sfruttamento, l'alternanza scuola-lavoro, i presidi manager, l'aziendalizzazione e la privatizzazione delle scuole”. Assemblee e manifestazioni si stanno svolgendo anche in altre città d'Italia e a Trento alle 15 di questo pomeriggio una trentina di studenti si sono ritrovati davanti al palazzo della Provincia.

 

 

 

“Siamo qui – hanno spiegato gli studenti – per dire no alla Buona Scuola di Renzi perchè siamo contrari alla mentalità che c'è dietro a questa riforma. Gli studenti vengono visti non più come persone da formare per diventare cittadini attivi del domani ma vengono visti come macchine che devono obbedire e basta”.


Ad essere criticata è la mentalità della scuola-azienda “capitanata da un preside sceriffo”, dove si punta a formare una generazione “di macchinette , incapaci di leggere la realtà ma pronta a darsi comprare per 80 euro al mese. Noi vogliamo però dire in modo chiaro a Renzi che non siamo in vendita”. Una manifestazione anche per ribadire il “No al referendum”. “Speriamo – hanno spiegato gli studenti – che l'Italia si accorga della mentalità che si vuole portare avanti”. 

 

Nel corso della manifestazione gli studenti hanno inoltre simbolicamente "chiuso" la sede del Pd: "Per denunciare chi, attraverso l'ipocrisia, sta cercando di imporci la Buona Scuola".


 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 January - 13:34

Bolzano fa un passo indietro dopo la mancata accettazione della classificazione del Cts e l'inserimento a livello europeo nella "zona rosso scuro". Pronta una nuova ordinanza che introduce restrizioni da domenica 31 gennaio. Kompatscher: "Sappiamo che le classificazioni nazionali e europee hanno conseguenze giuridiche. Per questo abbiamo deciso di prendere atto di questa situazione"

26 January - 11:19

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione in rianimazione. Oltre 8 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 559 le vittime nella seconda ondata 

26 January - 12:54

In quella zona sono state ritrovate tracce di sangue attribuite dai Ris a Peter Neumair, il 63enne scomparso insieme alla compagna, Laura Perselli, a inizio gennaio. Dispiegamento di forze per un'analisi approfondita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato