Contenuto sponsorizzato

Tragedia Presenella, il padre dopo l'operazione dà l'ok alla donazione degli organi del figlio morto ieri

Ziboni, ricoverato in rianimazione a Brescia, ieri è stato informato della morte del figlio. Subito dopo, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico urgente e dopo il risveglio ha potuto firmare il consenso alla donazione. Un grande gesto d'amore e solidarietà

Pubblicato il - 29 agosto 2017 - 12:00

TRENTO. Ancora in condizioni drammatiche, appena risvegliatosi da un delicatissimo intervento chirurgico Giovanni Ziboni, il padre di Cesare morto ieri all'ospedale di Trento e marito di Raffaella morta domenica sulla Presenella, ha trovato la forza di dare il via libera alla donazione degli organi del figlio di 14 anni. Un gesto da sottolineare, da incorniciare. Un grande gesto d'amore in mezzo a un dolore inimmaginabile.

 

Ziboni, è ricoverato in rianimazione a Brescia e ieri è stato informato della morte del figlio. Subito dopo, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico urgente. Dopo il risveglio ha potuto firmare il consenso alla donazione ed in questo momento sono in corso i prelievi degli organi non danneggiati dal trauma del ragazzo.

 

La collaborazione tra l’ospedale Santa Chiara di Trento e gli Spedali Civili di Brescia ha permesso di informare costantemente il padre sulle condizioni cliniche del figlio ed ha realizzato il desiderio della famiglia, così pesantemente toccata dalla tragedia, di donare gli organi del giovane. In mezzo a tanto dolore e sfortuna è arrivata anche la buona notizia che l'altro figlio dell'uomo, quello di 21 anni, era stato dimesso dall'Ospedale di Cles. Restano in ospedale i feriti dell'altra famiglia finita nella voragine del ghiacciaio della Presenella domenica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

25 febbraio - 19:34

L'allerta è scattata intorno alle 18.30 di oggi nella zona del lago Pudro a Madrano. Un'area di circa 13 ettari, occupata per la maggior parte da una torbiera e situata a circa 1 chilometro da Pergine. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato