Contenuto sponsorizzato

Tragedia sulla Presanella, cordata di alpinisti finita in una voragine. Morti e feriti

L'incidente è avvenuto attorno alle 9.30 sulla vedretta Cercen lungo la via Normale che porta a Cima Presanella. Due le persone decedute e tre sono in gravi condizioni

Pubblicato il - 27 agosto 2017 - 13:05

TRENTO. Anche oggi un'altra tragica giornata sulle montagne trentine, questa volta un grave incidente si è verificato nella zona della Presanella, precisamente sulla cresta Nord-Ovest. Si tratta di una cordata di nove persone di origine bresciana scivolata in una voragine

 

L'incidente è avvenuto attorno alle 9.30 sulla vedretta Cercen lungo la via Normale che porta a Cima Presanella. Due le persone decedute e tre sono in gravi condizioni. Il luogo della tragedia è stato raggiunto anche dal gestore del Rifugio Denza che si è aggiunto ai soccorritori

 

Gli alpinisti, partiti questa mattina dal Rifugio Denza, in cordata stavano risalendo la vedretta quando all'improvviso, in prossimità della forcella Freshfield, a quota 3200 metri, i primi due sono scivolati, coinvolgendo anche gli altri alpinisti. Alcuni alpinisti sono scivolati anche per circa 200 metri

 

A dare l'allarme al Numero unico di emergenza 112 i feriti meno gravi. Subito sono stati inviati sul posto tre elicotteri, di cui due di Trentino Emergenza e uno dell'Aiut Alpin Dolomites. I mezzi aerei hanno trasportato in quota anche diverse squadre di terra del Soccorso alpino del Trentino dell'Area operativa Trentino occidentale.

 

Quando i soccorritori sono giunti sul posto hanno riscontrato la morte di due alpinisti e prestato le prime cure  agli altri componenti del resto della comitiva, di cui tre feriti in modo grave. I feriti sono stati trasportati negli ospedali di Trento, Bolzano, Cles e Brescia. Tra i feriti, un ragazzo di 13 anni si troverebbe in ortopedia all'ospedale Santa Chiara mentre un altro di 14 anni, in condizioni più gravi, in rianimazione.  

 

Le due salme sono in fase di recupero e tutti gli altri escursionisti risultano feriti, tre in modo grave, trasportati negli ospedali di Trento, Bolzano e Brescia.

 

La tragedia di oggi si aggiunge alla tragica giornata di ieri, che ha visto il Soccorso alpino impegnato in tre distinti interventi sulla Marmolada , e nell'intervento al monte Vioz in cui una persona è deceduta.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato