Contenuto sponsorizzato

Tre gattini abbandonati in una campana di vetro. Due di loro sono morti soffocati dal caldo, divorati dalle mosche

E' successo a Molina di Fiemme. La denuncia dell'associazione Amici degli animali Fiemme: "Buttare tre gatti neonati nella campana del vetro con 40 gradi all'ombra è uccidere"

Di db - 07 agosto 2017 - 20:19

TRENTO. L'associazione 'Amici degli animali Fiemme' non usa mezzi termini: "Questo è il Terzo mondo della Civiltà". E sulla sua pagina Facebook racconta di tre piccoli gattini gettati nella campana del vetro da qualcuno che se ne voleva disfare. Due uccidendoli

 

E' successo a Molina di Fiemme, trovati dagli abitanti del posto. I primi due gattini trovati sabato, il terzo il giorno seguente. Ma lasciamo alle parole delle volontarie dell'associazione la descrizione di quanto è accaduto:

 

 

Lui era vivo. A dire il vero lo era anche suo fratello. Erano vivi, sicuramente piangevano e cercavano la mamma con le zampine pelose e morbide. E li hanno buttati nella campana del vetro. Due, anzi tre (uno è stato raccolto oggi, ancora in vita) erano vivi, piangevano, si contorcevano su quelle mani che li hanno buttati nella campana.

Ora sono morti - prosegue il racconto - i due trovati ieri sono morti. Allattati con speranza, prima dalle brave persone che li hanno raccolti con il retino da pesca, poi da due delle nostre volontarie in attesa della nostra Amica che avrebbe fatto loro da balia.

La cosa che più fa rabbia però sapete quale è? Che sono morti perché questi mostri invece di metterli in una scatola, dove sarebbero stati (sempre abbandonati - demoni!) almeno in un posto riparato. 


Ma sono stati abbandonati in una campana del vetro, in un caldo insopportabile, tra la sporcizia più sporca, e tra le mosche.... le mosche che hanno fatto loro le uova addosso, e le larve se li sono (come dirvelo gentilmente? - non si può - ma nulla di questo incubo va taciuto!) se li sono letteralmente mangiati da dentro.

 

Le attiviste proseguono e spiegano il triste epilogo: A nulla è valsa la corsa dal veterinario e l'antibiotico. Sono spirati nell'abbraccio caldo di una persona che li cullava. Ma la rabbia rimane, anzi monta sempre di più. Perché questa spazzatura umana non ha nemmeno il coraggio delle proprie azioni.


Buttare tre gatti neonati nella campana del vetro con 40 gradi all'ombra è uccidere! E visto che fisicamente non ce la fanno, ecco la campana. Via i gattini! Come una vecchia ciabatta, come un pensiero che non vuoi nemmeno realizzare, uccidere, ma in realtà lo stai facendo.

Una buona notizia, però: Il fratellino trovato oggi ora è vivo. Sembra stia bene, o almeno così risulta dalla visita veterinaria. Speriamo. Non ci rimane che questo... sperare che lui viva.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 gennaio - 09:44
L'ex pilota di MotoGP  nelle scorse ore in una intervista aveva spiegato di aver contratto il virus per necessità: "Non considero il vaccino [...]
Cronaca
16 gennaio - 05:01
La segnalazione è arrivata a il Dolomiti da una studentessa delle superiori: per le sezioni dove non si raggiunge il numero di positivi necessari [...]
Cronaca
16 gennaio - 08:45
La Corte federale, composta da tre giudici, ha deciso: confermata la revoca del visto che gli era stato annullato dal ministro [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato