Contenuto sponsorizzato

Vallotomo, continua la protesta, lavori bloccati. Domani "Camminata lungo le fratte"

Di Donatello Baldo - 03 dicembre 2016 - 11:04

MORI. Continua la protesta: sulle fratte di Mori le ruspe sono state bloccate anche nella giornata di ieri, il presidio è riuscito nell'intento di fermare i lavori impedendo di fatto la costruzione della strada di accesso al luogo dove dovrà sorgere il vallotomo.

 

Nella mattinata sono giunti sul posto anche i dirigenti della Provincia, il sindaco di Mori Stefano Barozzi, l'assessore Roberto Caliari e i carabinieri della stazione della borgata. Nessuna tensione, un confronto serrato che però  non è riuscito a convincere i manifestanti a desistere. Manifestanti che sono rimasti sulle loro posizioni, decisi a bloccare la prosecuzione dei lavori. 

 

Al gruppo iniziale, che si è stretto attorno all'iniziativa messa in atto da Rosanna Bazzanella, si sono aggiunti alcuni abitanti di Mori e alcuni attivisti del movimento No Tav. Il presidio di Prearua è quindi composito e partecipato, un luogo non solo di protesta ma anche di incontro: "Le decisioni le prendiamo tutti assieme - assicura Rosanna Bazzanella - ci confrontiamo tra noi attorno al fuoco, in condivisione".

 

Preoccupato il sindaco Barozzi: "Sì, sono molto preoccupato - afferma al telefono - si impedisce di mettere in sicurezza il territorio, si sta bloccando il cantiere di un'opera pubblica. Ognuno si deve prendere le proprie responsabilità". C'era anche lui al presidio ieri mattina: "Impossibile parlare con loro, non capiscono che tutte le alternative sono già state vagliate e scartate da tecnici competenti", Per Barozzi alternative non ce ne sono: "Il progetto è già stato deciso, non ci sono spazi per ulteriori confronti, ci siamo confrontati in ogni occasione, in mille modi - conclude il sindaco - ora c'è da mettere in sicurezza i cittadini".

 

Ma la fermezza di Barozzi si scontra con l'altrettanta ferma convinzione degli attivisti che da tre giorni stanno bloccando i lavori. La ruspa rimane ferma, ieri non è avanzata nemmeno di un metro, così come il giorno prima. E per domenica è stata annunciata una "Camminata lungo le fratte", appuntamento in piazza Cal di Ponte alle ore 10, un'escursione sui pendii sotto Montalbano, lì dove sorgerà il contestatissimo vallotomo. E a mezzogiorno "pranzo popolare" al presidio di Rosanna in vicolo Prearua, sulla terza fratta a sinistra. 

 

Il problema si ripresenterà però lunedì, quando gli operai dovranno far ripartire il cantiere e avanzare con l'escavatore. Difficilmente i manifestanti accetteranno la resa senza provare fino all'ultimo ad impedire il passaggio della strada, e sembra profilarsi una soluzione di forza. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 19:33

Sono 14 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.402 i guariti da inizio emergenza e 556 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, giovedì 24 settembre, si specifica che 11 sono sintomatici e 1 caso è ascrivibile ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

24 settembre - 17:49

I tamponi analizzati sono stati 1.613. Oggi è stato individuato un caso di coronavirus alla scuola dell'infanzia della Sacra Famiglia di Trento

24 settembre - 18:12

Il giovane nigeriano ieri sera ne aveva già espulsi 21 ma da un secondo esame radiologico è risultato averne ancora è rimasto piantonato nel reparto di chirurgia, in attesa del processo per direttissima che si terrà non appena verrà dimesso dall'ospedale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato