Contenuto sponsorizzato

Volano i pugni davanti al Liceo Prati tra i ragazzi di Blocco Studentesco e gli studenti

Questa mattina i giovani del gruppo di estrema destra sono andati a volantinare davanti al liceo classico di Trento ed è finita a pugni. La preside Pezzo: "La violenza è un brutto segnale riporta alla memoria periodi di contrapposizione che vorremmo dimenticare"

Di Luca Pianesi - 15 novembre 2016 - 10:16

TRENTO. Sono volati anche i pugni e qualcuno c'ha rimesso un dente, questa mattina davanti al Liceo Prati. All'ingresso della scuola, infatti, un gruppetto di ragazzi di estrema destra (di Blocco Studentesco) si sono messi a volantinare (il titolo del volantino era "La tua guerra ora" e i punti focali erano divisi in Giovinezza al potere, Libro di testo elettronico, La tua guerra ora, Commissione edilizie, No al contributo volontario, Mens sana in corpore sano). Erano in sei e due facevano da "guardia". E' quindi arrivato un gruppetto di studenti del Liceo che si è messo a discutere con quest'ultimi per capire cosa stessero facendo e perché.

 

 

Gli animi si sono scaldati, hanno cominciato a volare parole grosse ed è scoppiata una piccola rissa che ha visto coinvolte una dozzina di persone. Tre i ragazzi del liceo. Ad uno di questi è arrivato un pugno sulla nuca e gli è stato spaccato il cellulare con un calcio. A un altro si è scheggiato un dente. Sul posto è stata subito chiamata la Digos. I quattro agenti sono andati in presidenza con i ragazzi del liceo coinvolti nella scazzotatta per chiarire la dinamica dell'evento e all'uscita dalla scuola hanno spiegato che le piste per rintracciare i ragazzi di Blocco Studentesco sarebbero già ben chiare e definite. Si tratterà di capire se erano maggiorenni o meno. I ragazzi del liceo coinvolti (tre) erano tutti minorenni e sono portati all'ospedale per refertare in pronto soccorso eventuali lesioni.

 

Uno dei ragazzi coinvolti scrive su Facebook la sua versione: "Cos'è successo? Spero che oggi la gente apra gli occhi. Mi sono ritrovato con un dente spaccato, il sangue in bocca e la nuca che ancora mi pulsa. Tanto per aiutare anche il cellulare sfondato. Cosa 'hanno dimostrato questi infami oggi picchiando me e i miei amici? Che il fascismo esiste ancora, non è anacronismo, ma soprattutto è pericoloso. Aprite gli occhi, perché oggi me le sono prese io, ma se la situazione non migliora, cadremo in basso".

 

Tra i ragazzi coinvolti anche il presidente della Consulta provinciale degli studenti Stefano Auriemma: "Come al solito con loro non si può parlare e i poveri scemi che cercano di evitare che si degeneri, tipo il sottoscritto, finiscono al pronto soccorso. Sia chiaro che non ottengono la mia indifferenza così, ma anzi...", conclude il presidente.

 

In difesa del proprio presidente interviene con una dichiarazione la stessa Consulta degli studenti: "La Consulta esprime tutta la sua solidarietà e vicinanza a Stefano e agli studenti aggrediti che in questo momento si trovano al pronto soccorso.

La Consulta e gli organi istituzionali studenteschi sono e rimarranno sempre aperti a nuove proposte e collaborazioni con chiunque voglia partecipare democraticamente al processo di miglioramento della scuola - afferma la nota -  ma mai verrà accettata la violenza e la sopraffazione fisica al dialogo e al confronto.

 

La preside Pezzo ha stigmatizzato quanto avvenuto: "La violenza è sempre un brutto segnale che fa tornare alla memoria periodi di contrapposizione politica che non vorremmo più rivedere".  

 

+++ Annunciata per domani mattina dall'Osservatoio contro i fascismi una mobilitazione davanti al Liceo Prati. Leggi qui l'articolo.

 

Riportiamo in forma integrale il comunicato stampa di Blocco Studentesco:  

 

"Grave episodio questa mattina nel corso di un volantinaggio del Blocco Studentesco: mentre i militanti del movimento stavano distribuendo volantini agli studenti, alcuni rappresentanti del Centro sociale Bruno si sono radunati nei pressi della scuola per poi minacciare in gruppo e spintonare i ragazzi del Blocco. Quest'ultimi non hanno ceduto a questa ulteriore provocazione e sono riusciti ad allontanare gli attivisti del Centro sociale, che nel frattempo hanno continuato gli insulti e le minacce. Attendiamo una decisa presa di posizione nei confronti di coloro che, tra ridicole manifestazioni ed in assenza di contenuti da presentare agli studenti, presidiano le scuole col solo intento di minacciare i nostri militanti".

 

Riportiamo in forma integrale il comunicato stampa del Coordinamento studenti medi:  

 

"Questa mattina, al liceo Prati, si è svolto un fatto di estrema gravità: un volantinaggio di Blocco Studentesco si è trasformato in un pestaggio ai danni di quattro studenti che, stufi dei continui atteggiamenti prevaricatori del gruppo di estrema destra, sono intervenuti per allontanarlo. La situazione è subito degenerata e i militanti di Blocco Studentesco, quasi tutti almeno ventenni e alcuni di loro volti noti di CasaPound (quindi totalmente estranei alle scuole superiori), hanno aggredito e colpito violentemente gli studenti del liceo, tanto da rendere necessario il loro immediato trasporto in Pronto Soccorso. 

Ancora una volta rimaniamo basiti dalla faccia tosta con cui questi soggetti ribaltino la situazione a loro vantaggio, con comunicati quantomeno fantasiosi. Aggressioni, minacce e violenza squadrista, condite con un complice silenzio omertoso da parte della città, sono sempre state il modus operandi preferito dai “fascisti del terzo millennio” e questa volta, a farne le spese, sono stati quattro studenti minorenni. 

Come Coordinamento degli Studenti Medi ci siamo sempre opposti alla presenza dei fascisti all'interno delle scuole, ambiente che non può, per sua natura, accettare che vi si insinuino idee malsane cariche di odio, violenza e discriminazione che trovano la loro attuazione in episodi di questo tipo. 

Non basta più esprimere solidarietà ai ragazzi feriti e non è possibile relegare queste vicende ad una mera “rivalità fra gruppi”: è ora di capire che la presenza di organizzazioni neofasciste in città e nelle scuole è pericolosa e si ripercuote sull’intera collettività con una violenza assolutamente inaccettabile. Per questo vogliamo che si crei un fronte comune di opposizione alla presenza di Blocco Studentesco nelle scuole, organizzandosi, prendendo posizione e condannare in modo solenne qualsiasi tentativo di insorgenza delle nuove destre, qualsiasi esso sia".  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 18:59

Le incertezze sembrano riguardare un po' tutto l'apparato organizzativo. Bruno Bizzaro: "Il nocciolo di tutto è naturalmente la sicurezza di operatori, pazienti e clienti. Non tutte le farmacie dispongono di locali separati che possono essere adibiti per questo scopo e che possono essere sanificati regolarmente"

24 ottobre - 19:44

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 162 positivi a fronte dell'analisi di 2.513 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 6,45%. Sono 71 le persone che presentano sintomi. Ci sono 63 pazienti in ospedale e 4 in terapia intensiva

24 ottobre - 19:17

In serata atteso l’intervento di Conte per annunciare le nuove misure restrittive: la bozza del Dpcm (ALL’INTERNO) prevede la sospensione delle attività per piscine, centri benessere e centri ricreativi. Per contrastare la diffusione del contagio alle superiori la didattica digitale integrata passa al 75% sul totale delle lezioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato