Contenuto sponsorizzato

Ztl, il comitato di via Roggia Grande: “Tolto un neo dal cuore della città!”. Ma non mancano le critiche di alcuni commercianti e della Lega Nord

Alla conferenza del Comitato Spontaneo Roggia Grande si festeggia la chiusura al traffico di via Galilei, via Roggia Grande, via Mantova e via Calepina. Critica la Lega Nord

Di Giorgia Vinante Sofia Lionello e Giovanni Arighi (Liceo Prati) - 16 February 2017 - 15:24

TRENTO. “Oggi per noi è una giornata particolarmente importante, siamo molto contenti perché questa mattina quando ci siamo alzati la via era diversa, assomigliava un po’ a quella di quando avevo 10 anni, sembrava una via più tranquilla e con un’atmosfera da vero e proprio centro storico”. Inizia così in modo molto fiabesco la conferenza organizzata dal Comitato Spontaneo Roggia Grande. Questo gruppo di residenti ed esercenti della zona di via Galilei, via Mantova, Via Calepina e Roggia Grande si è riunito lo scorso pomeriggio per festeggiare un importante traguardo: l’estensione della zona a traffico limitato anche per le suddette vie.

 

Grande soddisfazione è stata espressa da tutti i componenti del comitato e in particolare dalla presidente Emanuela Baldracchi. “Dopo la sollecitazioni fatte alla giunta sia comunale che provinciale nell'autunno scorso – è stato spiegato – finalmente la zona tornerà ad essere come il resto del centro storico: un luogo dove la gente si muove a piedi e dove i negozi e l’attività commerciali funzionano bene. Vogliamo puntare a diventare come il giro al Sas e via Mazzini” .

 

Sono molti i motivi che hanno spinto il comitato a presentare questa proposta, a partire dall’inquinamento atmosferico e acustico che colpiva da molti anni la zona. Il dispiacere più grande dei membri è la lunga attesa che ha preceduto questa decisione. “I governanti si misurano ogni giorno con situazioni di questo tipo – hanno spiegato i componenti del comitato - tuttavia quando si tratta di intervenire su realtà molto più piccole, come la nostra, ci vogliono più di 15 anni. Di questo passo non si riuscirà mai ad intervenire su situazioni molto più importanti e gravi di via Roggia Grande che potrebbero migliorare davvero il Mondo.”

 

La presidente Baldracchi ha ribadito l’importanza dell’omogeneità di un intervento all’interno del centro storico, paragonando questo traguardo all’ultimo tassello alla pedonalizzazione dell'area. “Quest’ombra grigia era ingiustificata all’interno del cuore che racchiude la parte storica della città, che è un ambito delicato e pregiato che dobbiamo valorizzare e tutelare”.

 

Mentre nel bar si festeggiava con spumante e pasticcini, lungo la via non sono mancate però le critiche di alcuni esercenti tra cui il direttore del parcheggio di via Roggia Grande che, intervistati, hanno espresso la loro opinione fortemente contraria alla scelta del Comitato. Anche la Lega Nord si è espressa a riguardo definendolo “un ennesimo errore del centro sinistra, una scelta errata a discapito dei negozianti, dei residenti e di tutta la cittadinanza di Trento!”. “Ci saranno meno parcheggi a disposizione – ha dichiarato il consigliere comunale Devid Moranduzzo - meno persone che frequenteranno la zona ma soprattutto c’è il rischio di declassamento dell'area” .

 

Nonostante i timori di natura economica che sono stati sollevati, il Comitato si mostra ottimista e sicuro di non danneggiare gli esercenti. “ Vale di più la salute e la sicurezza rispetto ad alcune paure di natura finanziaria che non hanno mai alcun riscontro”.  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 09:45
Sono 1.367 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 21 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 130 guarigioni dal [...]
Cronaca
19 aprile - 11:07
Per oltre 20 anni aveva portato avanti il reparto di ginecologia di Cles. Negli ultimi tempi, a causa delle sue condizioni di salute, era stato [...]
Società
18 aprile - 19:54
Messo sotto la lente regionale del Trentino Alto Adige, il paradigma nazionale italiano mostra tutte le sue crepe. Il processo di costruzione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
segui, commenta e partecipa alle discussioni relative al tema.
vota le proposte di altri utenti o proponi le tue idee.
Contenuto sponsorizzato