Contenuto sponsorizzato

Carlo Magno e l'elefante del califfo, alle "Lezioni di Storia" si studia il rapporto tra Occidente e mondo musulmano

La rassegna ideata dagli Editori Laterza e organizzata da Provincia e Regione è al suo secondo appuntamento domenicale. Ieri al Teatro Zandonai è andata 'in scena' la lezione sulla lungimiranza di Carlo Magno nel dialogo con l'Islam

Pubblicato il - 16 ottobre 2017 - 10:18

TRENTO. Carlo Magno e il sultano Harun al-Rashid nel rapporto tra Occidente e mondo islamico è stato al centro della 'lezione di storia' che si è svolta ieri al teatro Zandonai di Rovereto. L'incontro, il secondo all'interno del ciclo di conferenze "Lezioni di Storia", ha visto una notevole partecipazione di pubblico che si è assiepato per ascoltare le parole dello storico e saggista Franco Cardini.

 

Nel cartellone di appuntamenti che indagano il rapporto tra Oriente e Occidente non si poteva non parlare del famoso dono arrivato alla corte di Aquisgrana, l'elefante albino. La decisione di Carlo Magno, forte e innovativa, di instaurare rapporti con il califfo di Baghdad, è appunto simboleggiata da questo 'strano' dono da parte del califfo.

 

Nell'appassionato intervento dal titolo “798 d.c. - Carlo Magno e l’elefante”, Cardini ha permesso di riscoprire il ruolo di Carlo Magno, i tratti salienti ed innovatori del suo impero, e la lungimiranza dimostrata nel voler stringere rapporti diplomatici con il califfo di Baghdad. 

 

E proprio i rapporti tra Oriente e Occidente costituiscono il filo conduttore di questa nuova edizione delle “Lezioni di Storia” che – come ha ricordato Claudio Martinelli, dirigente del Servizio Attività Culturali della Pat – offrono l’opportunità di "approfondire le dinamiche e i rapporti fra due mondi lontani, abbattendo i pregiudizi che spesso accompagnano la conoscenza del diverso".

Su questi binari si è mosso Cardini, che si è soffermato sulla passione del re franco per gli elefanti e per le virtù che questi animali simboleggiavano. Riuscirà ad averne uno albino, che verrà inserito nel serraglio di Aquisgrana dove vivrà per nove anni, circondato di attenzioni e premure.

 

Si trattava di un esemplare di elefante indiano, al quale venne dato il nome di Abul Abbas, che in arabo significa “il padre dei doni”. L’animale, che giunse nell’anno 801 dopo un viaggio durato ben due anni, era infatti un dono del potentissimo califfo musulmano Harun al-Rashid, con il quale Carlo Magno – che ricambiò la gentilezza inviando a Baghdad due lupi alsaziani oltre ad oggetti preziosi - volle instaurare ottimi rapporti nel tentativo di rafforzare il limes gallico, la frontiera meridionale dell’impero.

 

Un atteggiamento che denotava lungimiranza e la volontà di avviare un dialogo con il misterioso mondo musulmano. L’elefante all’epoca era visto come un essere mitologico, simbolo di costanza e fedeltà, ed il suo arrivo ad Aquisgrana venne salutato con meraviglia e gioia. 

Nel corso dei secoli, come ha spiegato Cardini, è cambiato il modo in cui è stato raffigurato, venendo però sempre visto come un animale che racchiudeva in sé virtù come la costanza e la fedeltà. Doti che lo portarono ad essere impiegato anche in guerra. A tale fine l’elefante indiano era considerato più adatto rispetto a quello africano essendo più facilmente addomesticabile.

 

Domenica prossima, al Teatro Sociale di Trento, con inizio alle 11, è in programma la terza lezione. Relatore sarà Amedeo Feniello, che parlerà di “San Francesco e il Sultano”. L’ingresso è gratuito.

 

Ideate dagli Editori Laterza, le “Lezioni di Storia” sono promosse dalla Provincia autonoma di Trento, dalla Regione autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol, dal Comune di Trento e dal Comune di Rovereto, e realizzate con il sostegno di Casse Rurali Trentine, Cavit, Dolomiti Energia e la collaborazione tecnica del Centro Servizi Culturali Santa Chiara.

 

La partecipazione alle singole lezioni è valida ai fini dell'aggiornamento professionale dei docenti della scuola della Provincia autonoma di Trento. La frequenza di una lezione corrisponde ad un'ora di formazione.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato