Contenuto sponsorizzato

La rassegna 'Musica e Montagna' entra nel vivo, tante opportunità per ascoltare il corno della Alpi

Dopo l'antipasto di giugno, la rassegna musicale targata Ensemble Dolomiti Horn Quartet e ideata dal direttore artistico Nicola Ravelli entra nel vivo. Rifugi, malghe e laghi, ma anche chiese e palazzi tra le valli di Sole e Non sono gli affascinanti scenari delle esecuzioni musicali 

Di Luca Andreazza - 01 luglio 2017 - 21:50

VAL DI SOLE. Il ricco programma di 'Musica e Montagna' prosegue a ritmi serrati. Dopo l'antipasto di giugno e gli appuntamenti di domenica 2 luglio, la rassegna musicale targata Ensemble Dolomiti Horn Quartet e ideata dal direttore artistico Nicola Ravelli entra nel vivo. Rifugi, malghe e laghi, ma anche chiese e palazzi tra le valli di Sole e Non sono gli affascinanti scenari delle esecuzioni musicali (sotto programma completo).

 

Il Dolomiti Horn Quartet è un ensemble di corni formato da quattro musicisti professionisti del Trentino (Nicola Ravelli, Stefano Rossi, Sandro Malfatti e Marcello Sani), i quali si sono perfezionati con maestri di fama nazionale e internazionale, come le orchestre 'Haydn' di Bolzano e Trento, 'I Pomeriggi Musicali' di Milano, l’Ente Lirico Arena di Verona, la Fondazione teatro lirico di Trieste, Padova e del Veneto, senza dimenticare l’Accademia della Scala, la Giovanile Italiana, l’Orchestra da Camera Italiana, i Cameristi di Verona, i Cameristi della Scala, i Virtuosi Italiani, l'European Union Youth Orchestra, la World Youth Orchestra, l'Ensemble Zandonai e i Corni Della Scala.

 

Il Dolomiti Horn Quartet si propone per l’esecuzione di corali, squillie interventi con il tradizionale corno delle Alpi, tra i più antichi strumenti musicali a fiato in legno. Un momento suggestivo per viaggiare indietro nel tempo.

 

Il corno delle Alpi è stato prima usato dai pastori per richiamare gli animali dal pascolo e successivamente come strumento alpino per comunicare con le malghe vicine e con la popolazione a valle. Il suono evocativo e profondo ha permesso a questo strumento di mantenere la sua presenza nei territori alpini: suonare il corno delle Alpi assunse anche un significato spirituale, aveva infatti valenza di preghiera della sera.

 

E se non si vuole perdere questa magia, gli appuntamenti (tutti a ingresso libero) sono tanti: si va da domenica 2 luglio a malga Kraun (Monte Mezzocorona) nell'ambito della manifestazione Ama Doc oppure al lago delle Malghette (Commezzadura) per l’inaugurazione del sentiero dei pastori a giovedì 3 agosto al cortile di palazzo Eccheli Baisi (Brentonico).

 

Doppio appuntamento anche domenica 6 agosto, prima al lago dei caprioli (Pelizzano) e quindi alla terrazza sul Dos di Pez (Cles), ma la programmazione non conosce soste neppure a Ferragosto, quando l'Ensemble si esibisce a Mezzana (domenica 13 e martedì 15 agosto), a Folgaria in località Carbonare sull'Alpe Cimbra (giovedì 17 agosto) e a Pejo (venerdì 18 agosto).

 

Le ultime tre esibizioni si tengono tra sabato 19 agosto (Terzolas) e domenica 27 agosto (Croviana), prima del gran finale a Pejo domenica 10 settembre.

 

Il calendario è però fitto perché l'Ensemble è riuscita a coinvolgere in questa rassegna 'Musica e Montagna' curata dal professore e direttore artistico Nicola Ravelli altre realtà quali Trio Camalor (arie d'opera, da camera e canzoni popolari), il Trio Alphorn e il Nos Brass Quintet, ma anche il Modern Saxophone Quartet e il Double Mallets Trio.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato