Contenuto sponsorizzato

Max Gazzè e Bastard sotto la cupola del Mart

L'8 dicembre continua la tradizione della musica dal vivo inaugurata tre anni fa e che lo scorso anno ha visto protagonista Mario Biondi. La proposta è del Comune e del Centro Santa Chiara che hanno invitato  l'eclettico  musicista ed il gruppo. I biglietti da domani (13 euro) nel circuito Primi alla Prima

Pubblicato il - 13 novembre 2017 - 17:34

ROVERETO. Dopo aver ospitato Mario Biondi e Franco Battiato, la cupola del Mart di Rovereto è pronta ad accogliere quest’anno il live di Max Gazzè, anticipato dall’esibizione dei Bastard Sons of Dioniso, per il tradizionale Concertone dell’Immacolata. Un evento che negli ultimi tre anni ha contribuito a riempire la città, facendo registrare una considerevole partecipazione di pubblico.

 

L’8 dicembre prossimo, ore 21, sarà quindi il cinquantenne musicista romano a scaldare con la sua coinvolgente musica il pubblico, esibendosi sul palco allestito nella piazza del Mart: bassista raffinato e artista estremamente eclettico dalla fortissima personalità.

 

Max Gazzè torna in Trentino dopo i riscontri straordinari degli ultimi anni, portando con sé, oltre ad una valigia piena zeppa di canzoni di successo, l’invidiabile capacità di trasformare positivamente ogni nuovo progetto rock, sperimentale, autoriale o popolare che sia.

 

Il concerto è promosso da Comune di Rovereto e Centro Santa Chiara, grazie anche al sostegno del Gruppo Dolomiti Energia e Fondazione Cassa di Risparmio Trento e Rovereto. L’evento (ingresso 13 euro) non sarà solamente una grande occasione di festa per la città, ma avrà anche quest’anno un importante risvolto legato alla solidarietà. Parte dell’incasso, infatti, verrà devoluto in beneficenza ad un’associazione che sarà annunciata nei prossimi giorni. Prevedita da domani 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 08:08

Ieri sera il Consiglio di amministrazione di Upipa ha di fatto sfiduciato la presidente Francesca Parolari. All'origine della frattura la mancata comunicazione al Cda del progetto che ha portato alla riapertura delle visite ai famigliari in 5 Rsa. La presidente rivendica l'autonomia delle strutture

09 marzo - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 marzo - 18:37

Grigliata al parco dal retrogusto amaro per 25 giovani che sono stati sanzionati dai carabinieri per non aver osservato i Dpcm. Chiusa per 5 giorni e multata anche una gelateria che non rispettava le norme anti-Covid

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato