Contenuto sponsorizzato

''No War No Peace'', la fragilità della pace in mostra al MAG di Riva del Garda

Dal 17 marzo al 4 novembre. Inaugurazione venerdì 16 marzo alle 18. L'iniziativa è ideata e promossa dall'associazione 46mo Parallelo-Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo

 

Pubblicato il - 14 marzo 2018 - 16:22

RIVA DEL GARDA. La pace è fragile, uno stato di sospensione, oggi come cent'anni fa. "La Prima guerra mondiale non creò una pace duratura, ma gettò le basi per la brutale guerra successiva, l’Europa degli ultimi decenni è disseminata di tristi esempi di stati di pace non raggiunti".

 

Un'osservazione che diventa il filo conduttore della mostra "No War No Peace" che sarà inaugurata venerdì 16 marzo alle 18.00 al MAG di Riva del Garda. La mostra è pensata e promossa dall'Associazione 46mo Parallelo-Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo.

 

"Se il 1918 è ricordato come l'ultimo anno di guerra, come non interrogarsi su ciò che determinò quel 'dopo', e se sia corretto definirlo con il termine 'pace'? La fine di una guerra produce la pace oppure le sementi per un nuovo conflitto stanno già germinando?".

 

La mostra No War No Peace intende fermare il pensiero sulle tracce di una guerra che è stata, ponendo in relazione i confini ridisegnati allora con le ferite rimaste aperte nel corso del Novecento e con gli stati di 'non pace' dell’oggi.

 

L’attenzione volge verso la fragilità insita nel termine 'pace', a cento anni da allora, a diciotto anni dalla fine del 'secolo breve': non sempre infatti la pace è conseguente – come crediamo – alla fine di una guerra. Sono decine, negli ultimi anni, le guerre cessate che non hanno però determinato la pace. 

 

Il piano terra del Museo di Riva del Garda si trasforma così in una scenografia per un percorso che vuole rendere conto della guerra con una visione che affonda le radici nel primo conflitto mondiale per interrogare i concetti di ricostruzione, pace e confine in dialogo e corrispondenza tra ieri e oggi, in un’Europa dal destino incerto e dalle prospettive precarie.

 

Cosa rimane 'il giorno dopo' gli armistizi, nelle guerre che si dispiegano fino a oggi? Cosa accomuna questi 'dopo' che sono subito 'oggi', se non già dimenticati 'ieri'? Queste sono alcune suggestioni che l'ambiente-mostra evoca.

 

Le installazioni presenti in mostra richiamano i diversi e così simili 'dopo' che accomunano i momenti della fine dei conflitti, raccontano la contraddizione della fine della guerra senza costruzione della pace, in una linea di continuità e di rimandi che si dispiega per un intero secolo.

 

La mostra No War No Peace rientra nel progetto Guerre e Pace. 1918-2018 che il MAG nel 2018 dedica al centenario della fine della Prima guerra mondiale e che si articola in tre mostre dispiegate in diversi momenti negli spazi del Museo di Riva del Garda e in una variegata proposta di appuntamenti dalla primavera all’autunno presso i forti del Monte Brione ubicati lungo il Sentiero della Pace a Riva del Garda.

 

Qui sotto un estratto dell'intervista - che all'interno della mostra diventerà un'installazione video - a Chantal Meloni. La docente dell'Università di Milano interviene sul ruolo dell'Italia nella 'Guerra dei Droni'. 

 

"L'Italia - afferma - sta svolgendo un ruolo di primo piano. Ha autorizzato gli Stati Uniti a stazionare con i propri droni all'interno della Base di Sigonella". Ma su tutto questo il Governo ha posto il 'segreto di Stato'

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato