Contenuto sponsorizzato

Buona cucina, teatro e solidarietà. Ragazzi con disabilità e chef stellati sul palco per uno spettacolo unico ed emozionante

"The Staff-Diversamente a teatro" dal 2014 offre un’occasione di formazione e di inserimento lavorativo nel settore teatrale a un gruppo di ragazzi con disabilità della Valle dei Laghi. Durante queste serate i giovani diventeranno aiuto cuochi e camerieri, cimentandosi così in una nuova, entusiasmante sfida

Di Arianna Viesi - 19 ottobre 2019 - 17:52

TRENTO. Dopo il successo della scorsa edizione che ha visto la partecipazione di oltre 320 personedal 25 ottobre,  torna"Chef a teatro": showcooking che coniuga solidarietà e buona cucina.

 

Lo spettacolo prende le mosse dal progetto "The Staff-Diversamente a teatro", nato nel 2014 nell’ambito dell’attività culturale che Fondazione Aida ha sviluppato presso il Teatro di Vezzano.

 

Il progetto ha offerto un’occasione di formazione e di inserimento lavorativo nel settore teatrale a un gruppo di ragazzi con disabilità senza distinzione contrattuale o di livello economico rispetto agli altri lavoratori del teatro. L’attività si è conclusa con la chiusura della struttura nel 2017. Da qui è nata l’idea di proseguire l’esperienza attraverso il progetto itinerante "Chef a teatro" che permette di dare continuità al gruppo e, al contempo, offrire un'occasione di confronto all’intera comunità. Durante queste serate, infatti, i giovani con disabilità diventeranno aiuto cuochi e camerieri, cimentandosi così in una nuova, emozionante sfida.

 

"The Staff- Diversamente a teatro" è un’iniziativa ideata e realizzata da Fondazione Aida in collaborazione con Associazione Atti e Oasi Valle dei Laghi. Grazie alle Fondazioni Umanamente, Cattolica e Caritro è stato possibile per tre anni, dal 2014 a giugno 2017, dare opportunità lavorativa a un gruppo di ragazzi diversamente abili della Valle dei Laghi. I ragazzi sono stati inseriti all’interno del Teatro Valle dei Laghi lavorando nelle giornate di spettacolo (bar, accoglienza). Il progetto "Diversamente a teatro" si è aggiudicato anche il Premio Speciale per la Valorizzazione delle Diversità alla tredicesima edizione del Sodalitas Social Award, il più prestigioso riconoscimento in Italia per la sostenibilità d’impresa.

 

I palchi dei teatri di MoenaTrento e Tesero, allestiti come un’elegante sala da pranzo, accoglieranno i seguenti eventi:

  • 25 ottobre alle ore 20.00 al Teatro Navalge con lo chef “stellato” Stefano Ghetta de L Chimpl
  • 22 novembre al SanbàPolis di Trento sarà la volta di un partner storico dell’iniziativa, l’Osteria a Le Due Spade e lo chef Federico Parolari
  • 31 gennaio a Tesero il duo Elisabetta Dellantonio e Gianluca Arzani del ristorante Pedrazzo Lagorai

I menù trovano un comune denominatore nella ricerca oculata delle materie prime tradizionali reinventate in chiave contemporanea.

 

A supporto degli chef  vi sono gli instancabili Mirco, Andrea e Leopoldo, al loro sesto anno di servizio (prima presso il Teatro Valle dei Laghi e dal 2017 per Chef a teatro) e le nuove leve Irene, Marilena e Paola: tutti i ragazzi di "The Staff Diversamente a teatro". 

A corollario delle serate sono in programma dei momenti di intrattenimento a cura di Fondazione Aida. Fondamentale sarà  anche il supporto degli studenti dell’Enaip Trentino di Tesero. Per programma completo e prenotazioni, consultare il sito (QUI SITO).

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 novembre - 19:43

La miccia si accende per il post su Facebook di un allevatore del perginese. Da lì le risposte piccate dei sindaci di Frassilongo e Pergine con quest'ultimo che rimuove tutto. A far da paciere il primo cittadino di Palù, che però si toglie qualche sassolino

11 novembre - 19:37

Il partito secessionista ha celebrato l'anniversario dell'arrivo delle truppe italiane al Brennero apponendo sul cippo di confine un sacco con una scritta rivendicativa. "Il Brennero è e resterà un confine ingiusto che ha diviso il Tirolo, incatenando i sudtirolesi a uno stato straniero, al quale non volevano appartenere". Non è la prima volta che il confine italo-austriaco finisce al centro delle iniziative della Südtiroler Freiheit

11 novembre - 13:46

Il blocco di una corsa avvenuto settimana scorsa nei pressi di Mezzana aveva spinto la consigliera Lucia Coppola a depositare un'interrogazione per comprendere le motivazioni e gli eventuali problemi di manutenzione. Questioni che da Trentino Trasporti vengono considerate però imprevedibili e dovute a condizioni meteorologiche eccezionali 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato