Contenuto sponsorizzato

"Destinazione delicatezza", in scena al Teatro Sociale lo spettacolo de La Rete in cui la disabilità incontra l'arte per andare oltre gli stereotipi

Sul palcoscenico saliranno persone con disabilità, volontari, attori e danzatori, in un mix di ricerca di relazione e di incontro. L'educatore e regista Mirko Dallaserra: "Il tentativo è quello di andare oltre le banalizzazioni, la superficialità e la fatica, ma anche oltre il limite che diventa potenzialità artistica"

Di F.Os. - 21 aprile 2024 - 18:10

TRENTO. Tutto parte da una relazione, in cui qualcuno dona e qualcuno riceve, e questo con il tempo si trasforma in quella reciprocità che sta alla base dell'essere volontari. In un'espressione: esserci per l'altro.

 

In occasione di Trento Capitale Europea e Italiana del Volontariato, mercoledì 24 aprile alle 20.45 al Teatro Sociale di Trento la Cooperativa sociale La Rete porterà in scena lo spettacolo teatrale “Destinazione Delicatezza”, che vede in scena persone con disabilità, volontari, attori e danzatori, in un mix di ricerca di relazione e di incontro, e soprattutto di delicatezza.

 

“Il volontariato in rete è questo: un intreccio di un’unica trama, creata da chi sa guardare la diversità come opportunità, da chi arriva per essere di aiuto, ma quell’aiuto è poi di aiuto ad ognuno – spiega la responsabile della promozione e formazione del volontariato e dei servizi territoriali inclusivi di La Rete, nonché curatrice di drammaturgia, testi e coreografie, Eleonora Damaggio – . Un intreccio di vite, con delicatezza: quella capacità di esserci senza farlo pesare, dando spazio ai tempi, ai modi e all’unicità dell’altro”.

 

Lo spettacolo nasce dai percorsi del Gruppo Teatrale Ikaro, che rappresenta una delle attività dei servizi territoriali inclusivi.

 

“Da sempre l’intento sociale, culturale e artistico che sta alla base delle attività e delle produzioni di Ikaro è il tentativo di andare oltre gli stereotipi, le banalizzazioni, la superficialità, la fatica – specifica l'educatore e regista dello spettacolo Mirko Dallaserra – ma anche oltre il limite, che diventa potenzialità artistica, alla ricerca continua di un teatro che sia emancipatore, tanto per gli attori quanto per gli spettatori, dove la diversità sia un valore comunicato attraverso le emozioni, dove la rappresentazione della disabilità venga vissuta senza ipocrisie, a partire dalle potenzialità attraversando il limite e la complessità”.

 

“Destinazione Delicatezza” rientra tra le iniziative promosse per Trento Capitale Europea e Italiana del Volontariato e vuole rimarcare l'opportunità che la cultura offre nel raccontare percorsi reali di cittadinanza attiva e di inclusione.

 

“Per questo la scelta di portare in scena questo spettacolo nel 2024 ha un significato importante di restituzione alla comunità di quello che la comunità stessa rappresenta per tutta La Rete – dichiara il direttore di La Rete Mauro Tommasini – che da 36 anni fa proprio dell’attivazione delle reti di prossimità, del volontariato e della forza dei legami, a sostegno delle persone con disabilità e delle loro famiglie, la sua ragion d’essere”.

 

Lo spettacolo sarà preceduto da un matineé dedicato alle scuole secondarie di primo e secondo grado e i biglietti per la serata sono disponibili alle casse dell’Auditorium Santa Chiara di Trento, del Teatro Sociale e online su Boxol.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
18 maggio - 06:01
L'arco dolomitico soffre sempre di più di overtourism. La direttrice della Fondazione Dolomiti Unesco, Mara Nemela: "Il problema talvolta è la [...]
Cronaca
17 maggio - 20:36
Dalle parole e gli insulti la situazione è degenerata rapidamente quando la ragazza del più giovane avrebbe estratto il telefono per filmare [...]
Montagna
17 maggio - 17:04
L'obiettivo è ambizioso: conquistare e assegnare un nome a due vette inesplorate (superiori a 5.000 metri di altezza) della Cordillera Real in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato