Contenuto sponsorizzato

Nel piccolo borgo di Montagne, nelle Valli Giudicarie, torna il laboratorio di narrazione

Tecnica, passione, talento e disciplina, questi gli ingredienti attraverso cui le attrici e gli attori professionisti selezionati per l’edizione 2019 del laboratorio “Le forme del racconto” a Montagne potranno migliorare i propri progetti

Pubblicato il - 17 maggio 2019 - 19:38

TRE VILLE. Tecnica, passione, talento e disciplina, questi gli ingredienti attraverso cui le attrici e gli attori professionisti selezionati per l’edizione 2019 del laboratorio “Le forme del racconto” a Montagne potranno migliorare i propri progetti. Due i momenti previsti dagli organizzatori del festival Montagne Racconta - l’associazione Le Ombrie con il supporto del comune di Tre Ville e della Pro loco Montagne: il primo dal 18 al 27 maggio e il secondo a ridosso del Festival - dall’11 al 21 luglio.

 

Inoltre, i lavori più meritevoli e maturi verranno presentati durante la nona edizione del Festival, in programma dal 19 al 21 luglio. L’arrivo in paese di una quindicina di artisti provenienti da tutto lo stivale è previsto per sabato, 18 maggio. Dieci i gruppi selezionati sui 25 che hanno inviato la propria candidatura. Tra di loro non solo attori, ma anche musicisti, drammaturghi e registi.

 

L’onere e l’onore di condurli in questo percorso andrà a due docenti d’eccezione: il drammaturgo toscano Francesco Niccolini e l’attore pugliese Luigi d’Elia. "Per partecipare a questo laboratorio – spiega Niccolini – c’è bisogno di tecnica, passione, talento e disciplina. Da anni ormai a questo progetto partecipano sempre più artisti  professionisti provenienti da tutta Italia che vogliono specializzarsi".

 

A ritmare le giornate ci saranno diverse attività: dai lavori di gruppo alle sessioni individuali. "L’obiettivo – aggiunge il noto drammaturgo – è quello di fare in modo che i partecipanti vivano questo posto come un luogo sereno in cui non si deve aver paura di sbagliare, ma ci si voglia solo migliorare".

 

Da qui l’importanza del racconto in gruppo: "In queste sessioni – prosegue – uno racconta e gli altri lo ascoltano, poi si commenta. Solitamente, nel pomeriggio tutti lavorano singolarmente e poi hanno un incontro con me". Spesso le giornate “lavorative” proseguono anche alla sera: "A volte si lavora tutto il giorno – prosegue Niccolini – altre invece si va a fare una passeggiata in montagna per staccarsi dalla “quotidianità” e divertirsi assieme. Inoltre, in montagna non solo camminiamo e ci divertiamo, ma andiamo a provare i racconti in natura".

 

Ed in questo la location di Montagne ha un plusvalore importante "qui internet funziona – aggiunge – ma alcune reti di cellulare no, dunque siamo più isolati e sereni. Passato quel senso di solitudine per “essere fuori dal mondo tecnologico”, ci si rende conto di essere meno distratti e quindi più concentrati".

 

Una formula che piace ed ha permesso al laboratorio di crescere costantemente passando dai primi 8 iscritti agli attuali 16. "Il 20 luglio i racconti/spettacoli più meritevoli e giudicati più maturi – concludono i promotori – verranno presentati in forma di 'primo studio' al Festival". Due i momenti previsti: il primo al mattino durante una piacevole passeggiata che si concluderà con un pranzo al sacco ed il secondo nel pomeriggio in paese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 06:01

Per ogni settore, per ogni assessorato, per ogni ambito, per ogni tema da affrontare la giunta leghista ha creato, crea e probabilmente creerà una specifica ''task force'' sempre annunciata con squilli di trombe e della quale, il più delle volte, poi non si ha più notizia. Ora potrebbe arrivare la task force che vigila le task force

27 maggio - 19:23

Asili nido aperti dall’8 giugno? Il comune di Trento e i sindacati avvertono: “Apertura solo con linee guida chiare e coinvolgendo genitori e insegnanti, no alle fughe in avanti”. L'assessora: “Al momento, disponendo solo di un documento provvisorio, non ci sono le condizioni per garantire la riapertura”

27 maggio - 20:52

In quanto presidi della montagna i rifugi avranno l’obbligo di apertura dal 20 giugno al 20 settembre. Quindi sarà dovere essere aperti, per garantire fruibilità al sistema turistico. Il vademecum informativo che permette di disciplinare l'accesso ai rifugi questa estate e che rappresenta la garanzia di sicurezza per escursionisti ed operatori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato