Contenuto sponsorizzato

Otto volte Ionesco nel Fantasio dei talenti

Domani, 4 dicembre e giovedì al teatro di Villazzano andranno in scena o lavori di un quarto d'ora ciascuno della gara tra registi che devono cimentarsi sullo stesso testo con attori assegnati loro per sorteggio. Dopo dodici giorni di creatività e prove si scopriranno le diverse versioni de "La cantatrice calva" e si sceglierà il vincitore

Pubblicato il - 03 December 2019 - 16:42

TRENTO. “Personaggi che si esprimono in dialoghi convenzionali, vuoti, che parlano per non dire nulla, che dicono una cosa e fanno il contrario. Questi personaggi che strappano al pubblico molte risate sono in realtà la rappresentazione drammatica dell’incomunicabilità, della solitudine assoluta, dell’impossibilità di conoscere l’altro”.

 Le mille e mille recensioni de "La cantatrice calva" possono variare per stile o per profondità. Ma da Ionesco non si scappa. I suoi protagonisti sono così: poco edificanti. Erano così quando l’autore franco-romeno scrisse la sua prima, celeberrima, opera inaugurando il teatro dell’assurdo.

 

 Ed è proprio con "La cantatrice calva" che se la stanno vedendo i registi partecipanti alla 20ª edizione del Festival di regia teatrale Fantasio in questi ultimi 12 giorni. La formula del festival è la stessa da cinque anni: i registi selezionati arrivano a Trento, conoscono il testo e ricevono, tramite sorteggio, un gruppo di attori selezionati anch’essi dall’organizzazione. 12 giorni di lavoro per preparare 15 minuti dello stesso testo e presentarlo ad una giuria e al pubblico.

 

 I registi che ci stanno lavorando sono otto: Francesca Falchi, Fabio Pisano, Karim Galici, Tommaso Pitta, Francesco Leschiera, Luca Quaia, Piera Mungiguerra e Francesco Sgrò. L’organizzazione li ha scelti dopo un intenso lavoro, valutando i loro portfolio artistici; da questa selezione sono emersi 7 over35 su 8, una novità per il festival: il testo è nelle mani non solo di registi talentuosi, ma anche con una certa esperienza.

 

 Per vedere la loro versione della prima scena de "La cantatrice calva" basterà andare in teatro, a Villazzano, con la voglia di farsi stupire. Domani, 4 e giovedì 5 dicembre il teatro ospiterà il Fantasio e gli otto “quarti d’ora” concessi ai registi porteranno il testo di Ionesco chissà dove e chissà come.

 

 Il Fantasio va letto prima che come concorso come esperienza collettiva: lo scambio tra i registi che operano a Villazzano con la frenesia e il confronto della messa in scena e la contaminazione tra registi e attori. Nascono amicizie artistiche nel “prima”  e nel “dopo” concorso.

 

 E le amicizie artistiche servono come il pane per misurarsi, rinnovare, rinnovarsi. È questo il senso, è questo il valore aggiunto, del progetto di residenza che è inscindibile dal concorso.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 October - 17:00
Il colpo è stato talmente violento da far sbalzare indietro entrambi i veicoli. La Fiat 500 ha anche perso una ruota
Cronaca
22 October - 12:02
Nell’ultima settimana sono aumentate le persone in età lavorativa che hanno scelto di vaccinarsi, per Gimbe è l’effetto Green pass, al [...]
Cronaca
22 October - 16:38
La Provincia di Bolzano ha un'incidenza di 85,6 casi ogni 100.000 abitanti mentre la media nazionale è ferma a 34 casi (erano 29 una settimana [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato