Contenuto sponsorizzato

Per non avere un Tempo Orfano di umanità

Domani, 15 novembre, al teatro di Meano un'iniziativa di spettacolo e di civiltà sul tema dell'immigrazione promosso da Aria Teatro.  Dalle 19 le storie del Mediterraneo con l'Atlante delle Guerre e il confronto con il Centro Astalli. Alle 20.45 lo spettacolo che dà il titolo alla proposta, intenso monologo con Chiara Benedetti

Pubblicato il - 14 novembre 2019 - 08:58

TRENTO. Le parole, i ragionamenti, la serietà dei dati e delle storie contro le fandonie che ogni giorno infettano la cronaca e mutano in peggio l'animo della comunità. E poi la prosa, il teatro, un altro modo - efficace - di comunicare al cuore e alla mente.

 

 E' la sintesi dell'iniziativa che domani, 15 novembre, chiama il pubblico (specie quello dei non convinti) al teatro di Meano per la proposta intitolata "Tempo orfano". E' il titolo di un toccante e intenso monologo affidato a Chiara Benedetti per la produzione "civile" di Aria Teatroi. ma è anche l'occasione per un confronto aperto e per nulla ideologico sulle complesse tematiche dell'immigrazione, con uno sguardo attento anche al Trentino.Si inizierà dunque alle 19 con "Storie dal Mediterraneo - Siamo tutti tutti figli di un viaggio”. interviene Raffaele Crocco, direttore dell’Atlante delle guerre.  Per parlare di ”Una piattaforma che unisce in mare e in terra “ ci sarà  Giulia Turrina di Mediterranea Saving Human. Sul tema “Cosa vuol dire accogliere” interviene il Centro Astalli di Trento con la partecipazione della Libreria Due Punti di Trento.

 

 Alle 20.45 è invece l'ora dello spettacolo TEMPO ORFANO  La vera storia di Adam. Adam non è solo un viaggiatore. Prima di tutto Adam è un uomo e un osservatore instancabile della propria avventura umana. Il suo destino di dissidente e di poeta lo ha portato dal Marocco fino ad un piccolo paesino dell’Italia del nord, dove oggi lavora come assistente socio sanitario. Vive l’esilio con la straordinaria intensità di chi dentro di sé nutre la necessità di conoscere gli stati d’animo e di raccontarli.

 

 Il racconto di una particolare vicinanza, che forse potremmo definire amicizia, e che sicuramente si colloca in una zona profonda e ignota dell’essere.

..bisogna amare la giustizia così come si ama la poesia: in modo gratuito e anche contro il proprio tornaconto, nella consapevolezza che la sua ricerca fa stare meglio coloro con cui essa entra in contatto…

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 ottobre - 18:03
Secondo quanto riportato dal Wwf di Bolzano, non sarebbe inusuale in Alto Adige trovare lotterie organizzate da cacciatori in cui, tra i premi, [...]
Cronaca
22 ottobre - 17:41
Fra i nuovi casi troviamo anche 2 ultra ottantenni e 3 in fascia 70-79, oltre che altri 5 in fascia 60-69. Un migliaio le terze dosi fatte
Cronaca
22 ottobre - 17:00
Il colpo è stato talmente violento da far sbalzare indietro entrambi i veicoli. La Fiat 500 ha anche perso una ruota
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato