Contenuto sponsorizzato

Al Pergine Festival arriva "Umani sognano leoni elettrici?", uno spettacolo di "drammaturgia sonora" tra colori e poesia

Dal silenzio del lockdown al magma sonoro della musica elettronica. È l’esperienza proposta domani, sabato 25 luglio, a Pergine Festival da Serena Dibiase, performer, cantante e compositrice elettronica bolognese

Pubblicato il - 24 luglio 2020 - 15:53

PERGINE VALSUGANA. Dal silenzio del lockdown al magma sonoro della musica elettronica. È l’esperienza proposta domani, sabato 25 luglio, a Pergine Festival da Serena Dibiase, performer, cantante e compositrice elettronica bolognese, anima del progetto S.ee e vincitrice quest’anno di Supernova.

"Umani sognano leoni elettrici?" è una performance in cui la parola si fonde con le atmosfereimmersive della drammaturgia sonora. A portarlo in scena domani all’Ex Rimessa carrozze è la performer e compositrice Serena Dibiase. In programma in replica Forastica di Martina Badiluzzi e Radio Olimpia. Bomba libera tutt! del collettivo Mmm. La performer presta il suo corpo e la sua voce per costruire e al tempo stesso disfare il racconto, liberando il linguaggio in un’espressività vocale anarcoide, attraversata dal canto, dall’onomatopea e dal respiro.

 

"La performance – racconta Dibiase – si sposta tra la ricerca di distanziamento terreno e la tensione carnale alla relazione tra i corpi, concentrando l’indagine nella natura istintiva degli esseri umani. Un flusso al limite della realtà dove la parola è continuamente contaminata da onomatopee, vocalizzi, respiri, battiti, versi, in una continua ricerca di un linguaggio prenatale, infantile, animale".

I testi della performance sono tratti dalla raccolta La bambina lo sa, edizioni La Gru. I visuals, a cura di Jody Ellen, sono ispirati dai testi poetici e si impongono come scenografia visionaria. “Umani sognano leoni elettrici?” andrà in scena domani – 25 luglio – alle 20.45 all’ex rimessa carrozze di Pergine Valsugana (vicolo dei Campi, 6). I biglietti (5 euro l’intero e 4 il ridotto) sono in vendita presso gli sportelli delle Casse Rurali Trentine, oppure online cliccando qui.

 

Sempre domani, sono in programma in replica “Forastica” di Martina Badiluzzi (alle 11.00 e alle 18.00 con partenza da palazzo Hippoliti) e “Radio Olimpia. Bomba libera tutt!” del collettivo Mmm (alle 21.30 in piazza Fruet). Cliccando qui è possibile guardare il trailer di “Umani sognano leoni elettrici?”.

 

S.ee è il nome progettuale di Serena Dibiase, autrice di poesia nata a Bologna. Ha pubblicato Nelle vene (Manni edizioni), Amnesia dei vivi (Italic Pequod) e La bambina lo sa (La Gru). Performer e compositrice elettronica, i suoi studi teatrali e musicali si sono via via indirizzati verso un più specifico uso della parola e del corpo/voce. Ha collaborato a progetti di Armando Punzo, Andrea Adriatico, Stefano Masotti, Romeo Castellucci, Chiara Guidi, Silvia Gallerano, Motus, Francesca Ballico. Nel 2018 arriva in finale al premio Alberto Dubito di poesia con musica.

 

Viene poi selezionata dal concorso Bologna in Lettere 2019 per la sezione di poesia orale e performativa. Da questa ricerca testuale e sonora nasce il progetto S.ee che indaga il linguaggio della poesia attraverso supporti più propriamente tecnici quali software e campionatori, per la costruzione concreta della drammaturgia sonora.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 05:01

La Giunta ha eseguito quanto previsto dal Governo Conte per ''risarcire'' coloro che avevano abbonamenti al servizio pubblico e non li hanno utilizzati per via dell'interruzione anticipata dovuta al Covid. Le modalità di ristoro sono differenziate per categorie di utenti (ecco i dettagli per le diverse classi di studenti e per i privati). Cgil, Cisl e Uil: ''Al di là delle buone intenzioni del governo nazionale sarebbe stato opportuno, però, che Roma finanziasse questa misura con risorse adeguate''

07 agosto - 16:27

Una delle conseguenze del lockdown è stato l'inevitabile allungamento dei tempi delle liste di attesa, in particolare per quelle prestazioni per le quali non è stato possibile ricorrere alla telemedicina. Oggi la Giunta provinciale ha dato mandato all'Apss di coinvolgere e responsabilizzare le strutture private accreditate e convenzionate con il servizio sanitario provinciale per contenere i tempi massimi di attesa delle visite

07 agosto - 17:43

Il Trentino sale a 5.614 casi e resta a 470 decessi da inizio epidemia. Sono 5 i pazienti con Covid-19 nel reparto di malattie infettive. Sono stati analizzati nelle ultime 24 ore 1.252 tamponi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato