Contenuto sponsorizzato

Dialogare tra generazioni e raccontare "7 luoghi del cuore" della valle. Al via il progetto memoriale dell'Alta Rendena

La cooperativa Incontra ha dato vita a "Memoria e luoghi dell'Alta Val Rendena", progetto che coinvolgendo degli studenti del posto ha cercato attraverso 7 video-interviste di raccontare altrettanti luoghi simbolo dei Comuni di Carisolo e Pinzolo

Pubblicato il - 06 novembre 2020 - 11:14

CARISOLO. Raccontare “7 luoghi del cuore” per rafforzare la comunità e far incontrare persone di differenti generazioni. È questo l’obiettivo di “Memorie e luoghi dell’Alta Val Rendena”, progetto nato dalla vittoria del bando “Generazioni” organizzato dalle cooperative sociali Young inside e Inside con il supporto delle Province di Trento e Bolzano e della Regione Trentino-Alto Adige.  

 

Attraverso 7 video, la cooperativa Incontra, in collaborazione con la Biblioteca comunale di Pinzolo e con la Pro Loco di Carisolo, hanno così voluto raccontare altrettanti luoghi di interesse storico, artistico e culturale dell’Alta Val Rendena, dialogando con testimoni d’eccezione legati a doppio filo alle vicende degli spazi narrati. Tutti i luoghi rientrano nei Comuni di Pinzolo e Carisolo: il cimitero monumentale, il PalaDolomiti, la scuola materna di Pinzolo, il santuario Beata Vergine del Potere, l’eremo di San Martino, il cannone del municipio e l’antica vetreria di Carisolo.

 

Le 7 video- interviste, pubblicate prossimamente sui canali youtube e facebook della cooperativa e sul profilo Instagram MeTe (il centro servizi formativi, educativi, di orientamento e supporto psicologico della cooperativa”,  hanno come detto lo scopo di tracciare le vicende dei luoghi, ma non solo. L’idea, spiegano in una nota, vuole “far incontrare persone appartenenti a generazioni differenti per costruire una memoria condivisa e rafforzare i vincoli di solidarietà e il legame con il territorio”.

 

Protagonisti del racconto, 8 testimoni d’eccezione scelti proprio tra chi quei luoghi li ha vissuti in prima persona. Ad intervistarli, invece, gli “Opportunity catchers”, ragazzi e ragazze delle scuole superiori coinvolti da Incontra in un progetto di peer education (Tommaso Maestri, Lorenzo Catturani, Valentina Dal Pont e Nicolò Bertolini). Con il supporto storiografico di Matteo Failoni, sono stati loro a strutturare e realizzare le interviste poi finite nei 7 video di “Memorie e luoghi dell’Alta Val Rendena”.

 

Con la regia e il montaggio del videomaker Oscar Frizzi, sotto la supervisione della responsabile del progetto Ida Pellegrini e di Gaja Pellizzari e Elisa Brocchetti, “Memorie e luoghi dell’Alta Val Rendena” intende valorizzare il patrimonio di memorie e racconti condivisi all’interno della comunità, evitando così che vada disperso con lo scorrere del tempo. In questo modo, tramite le 7 video-interviste, si vuole così raccogliere e sistematizzare delle testimonianze, delle informazioni e delle memorie su alcuni luoghi simbolo dei Comuni di Pinzolo e Carisolo, offrendo i risultati a cittadinanza e turisti che frequentano la valle.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 17:41

Sono stati trovati 39 casi tra gli over 70 e 4 tra gli under 5. Ci sono 17 classi in isolamento. Oggi comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale. Sale il numero dei pazienti in terapia intensiva

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

16 gennaio - 18:25

La società ha comunicato che da lunedì consegnerà all'Italia il 29% di filiale di vaccino in meno rispetto a quanto era stato stabilito dal contratto. Ad inizio della prossima settimana, intanto, riceveranno la seconda dose le persone che si sono vaccinate per prime il 27 dicembre scorso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato