Contenuto sponsorizzato

Sacco e Vanzetti, uno spettacolo a Lavis per la difesa dei diritti umani

Sabato l'appuntamento per ricordare i due anarchici e per sensibilizzare sui diritti umani. Amnesty International e Collettivo B.E.D.O. "Nic e Bart sono il simbolo dell'impegno"

Pubblicato il - 09 novembre 2016 - 12:57

LAVIS. Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, Nic e Bart. Sono i due anarchici che gli Stati uniti condannarono a morte perché anarchici nel 1927. La loro storia è diventata famosa grazie al film "Sacco e Vanzetti" di Giuliano Montaldo con le musiche del maestro Morricone e l'indimenticabile ballata "Here's to you Nicola and Bart" cantata da Joan Baez. A Lavis, sabato prossimo, uno spettacolo per ricordarli e per parlare di diritti umani.

 

"Sono almeno 113 i paesi nei quali la libertà d’espressione e di stampa sono state sottoposte a restrizioni arbitrarie - scrive Amnesty International, che organizza la serata - almeno 30 i paesi che hanno rimandato illegalmente rifugiati verso paesi in cui sarebbero stati in pericolo. Almeno 122 i paesi nei quali vi sono stati maltrattamenti e torture. Sono passati quasi 90 anni da quando Sacco e Vanzetti furono ingiustamente messi a morte negli Usa per le loro idee - continuano - ma ancora oggi i diritti umani vengono costantemente violati in tutto il mondo, Italia inclusa".

 

Sabato 12 novembre 2016 alle ore 20.30 presso l'Auditorium Comunale di Lavis (piazzetta degli alpini 6, entrata della Biblioteca) si svolgerà lo spettacolo "Here's to you, Nicola and Bart - Le vite di Sacco e Vanzetti fra le canzoni di Gaber e De André”. L’iniziativa, a ingresso libero, è organizzata oltre che dal gruppo di Amnesty International di Trento, dal Collettivo B.E.D.O. Lo spettacolo presenta canzoni e immagini sui due immigrati italiani Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, messi a morte, anche se innocenti, negli Usa nel 1927. Vuole essere una occasione per sensibilizzare il pubblico sul rispetto dei diritti umani, della libertà di parola e di associazione, per riflettere su tutti i Sacco e Vanzetti di oggi perseguitati e condannati ingiustamente.

 

"Tornare a cantare "Here's to you" significa mostrare che la lotta alle ingiustizie non è finita e che tutti i Sacco e Vanzetti di oggi non sono soli: perché questo inno per i diritti umani diventi il simbolo dell'impegno di Amnesty International in Italia e nel mondo, insieme a quanti crederanno che il mondo sarà migliore quando sentiremo nostre le ingiustizie del mondo".  

 

Lo spettacolo nasce nel 2015 come primo esperimento del Collettivo B.E.D.O., un gruppo di musicisti ed artisti nato a Brentonico lo stesso anno. Lo spettacolo ripercorre le vicende di due anarchici italiani immigrati negli Stati Uniti, Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, attraverso la recitazione di monologhi tratti da testi autobiografici ed epistolari intervallati dell'esecuzione di canzoni di Giorgio Gaber e Fabrizio De André. I monologhi descrivono le vicende dei protagonisti, dall'arresto in Massachusetts nel 1920 fino alla loro esecuzione a morte sulla sedia elettrica avvenuta sette anni dopo. Per l'occasione sono state inoltre realizzate delle tavole a fumetti inedite che ripercorrono i momenti salienti di quello che è stato uno dei processi più controversi e coinvolgenti del XX secolo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 05:01

L’anomalia dei tamponi molecolari: con una parità quasi perfetta dei test eseguiti (13.892 a Trento, 13.764 a Bolzano) i positivi rilevati dall’Alto Adige sono il triplo di quelli trentini dove, in 10 giorni, si dichiarano appena 567 contagi. Dai casi fantasma ai macroscopici errori dell’Iss (che dovrebbe controllare le Regioni), pare impossibile avere un quadro puntuale dell’evoluzione epidemiologica

17 gennaio - 09:25

Furioso incendio nella prima serata di sabato 16 gennaio a Cembra. Le fiamme hanno avvolto un vecchio edificio nel cuore del paese, rischiando di coinvolgere anche altre abitazioni. Evacuate due famiglie che abitano ai piani bassi. Decisivo e massiccio l'intervento dei vigili del fuoco

16 gennaio - 19:05

L’ultimo Dpcm non vieta espressamente di trasferirsi verso le seconde case e secondo fonti del Governo questo basta per garantire la possibilità di raggiungerle, anche quelle che si trovano fuori Regione. Eppure al numero verde vengono fornite risposte contraddittorie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato