Contenuto sponsorizzato

Tappi nelle orecchie e ordinazioni nella lingua dei segni per 'sentirsi' come le persone sorde. E della musica si ascolteranno le vibrazioni

L'evento "INCONTROsensi, the sound of silence" si terrà al BabaruM di Volano giovedì 13 luglio ed è organizzato dall'associazione BaBa, l'Ente Nazionale Sordi di Trento e il CGSI - Comitato Giovani Sordi Italiani

Pubblicato il - 11 luglio 2017 - 16:35

VOLANO. La serata di giovedì 13 luglio al BabaruM sarà speciale, ma allo stesso tempo sarà normale. La specialità sarà quella di far sentire tutti uguali, la normalità quella di vivere un momento di condivisione come tutti i giorni, come altre mille momenti che si passano al bar con gli amici.

 

Anche con gli amici sordi. Sarà speciale anche la nuova sensazione che proveranno gli avventori udenti, quella di non sentire, di vivere per una volta la stessa identica situazione di chi non sente ma si diverte comunque come tutti noi allo stesso bar.

 

Se qualcuno avrà paura di non avere nulla da dire si accorgerà che gli argomenti sono comunque tanti, che si riesce sempre a comunicare, che se si ha voglia di condividere un momento non occorre la voce, non solo. Se qualcuno teme di non riuscire nemmeno ad ordinare se non dice 'Dammi per favore una birretta' imparerà a dirlo con la Lingua italiana dei segni (LIS)e il barista provvederà.

 

Di cosa parlamo? Dell'evento organizzato al locale di Volano da tre associazioni, BaBa, Ente Nazionale Sordi di Trento e CGSI - Comitato Giovani Sordi Italiani. Una serata dal titolo "INCONTROsensi, the sound of silence"

 

 

L'obiettivo è semplice: favorire l’integrazione fra persone sorde e udenti e contribuire alla promozione e alla diffusione della Lingua dei Segni Italiana (LIS).  Al bar, anche in una serata come tante altre, anche tra chi ci sente benissimo ma ha la voglia di superare quella piccola barriera che a volte impedisce la comunicazione tra sordi e udenti.

 

All'ingresso del locale verranno distribuiti dei tappi per orecchie a tutti gli udenti, donati da una ditta che ha voluto sponsorizzare l'evento. Sarà quindi possibile immedesimarsi nelle sensazioni che prova una persona sorda e comunque svolgere le molte attività e i vari giochi che animeranno la serata.

 

Alle 18, nella cornice del giardino, ci sarà un buffet vegetariano e vegano e la sera sarà proiettato un film sottotitolato. Da guardare con i tappi nelle orecchie perché le didascalie riporteranno tutto, anche le risate, e i rumori presenti nella pellicola. E ci sarà la musica, perché anche i sordi a loro modo possono sentirla.

 

INCONTROsensi (Bar) from BaBa AssociazioneCulturale on Vimeo.

 

La musica è fatta di vibrazione che si sentono sulla pelle, nella cassa toracica, che sfiorano le labbra e che si possono permettere di percepirla. Dei semplici palloncini gonfiabili da tenere in mano permetteranno di percepire meglio le vibrazioni che si scontrano con la sottile membrana ma il dj Luca Fronza metterà a disposizione anche uno speciale zainetto che amplifica i bassi e a contatto con il corpo facilita l''ascolto'.

 

Le ordinazioni, ovviamente, si faranno a gesti, ma quelli giusti. Si userà il linguaggio Lis e tranquilli, nessuno rimarrà a bocca asciutta. Dei tutorial spiegheranno come chiedere le varie bevande e i volontari delle associazioni saranno lì apposta nel caso al posto di un tè freddo non si ordini un tè caldo... Ma non succederà, si scoprirà che in fondo per comunicare basta poco.

 

Ma si scoprirà allo stesso tempo che abbattere le barriere spesso è difficile anche perché non ci si mette mai nei panni degli altri, non si prova a 'sentire' quello che sentono gli altri. Giovedì prossimo sarà possibile, con i tappi alle orecchie e la voglia di stare insieme, nessuno escluso.
 

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 05:01

Un’operatrice di Rsa ha contratto il coronavirus nonostante fosse già stata sottoposta alla seconda dose di vaccino a fine gennaio, ecco perché può accadere ma allo stesso tempo è importante parlarne. Ferro: “Siamo a conoscenza del caso e lo stiamo seguendo, non è la prima volta che succede e si tratta di una situazione attesa nel senso che il vaccino ha un’efficacia del 95%”

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato