Contenuto sponsorizzato

Come nasce un film? Lo spiega il regista trentino Jordi Penner che sta lavorando a un nuovo cortometraggio: “Felice di portare un film nei luoghi in cui sono cresciuto”

Durante la serata sarà presentato anche il nuovo progetto del regista trentino Jordi Penner: “Questo cortometraggio vuole combattere il pregiudizio e promuovere l’inclusione, perché spesso giudichiamo le persone senza chiederci quale sia la loro storia, che cosa gli sia successo nella vita. La verità è che se lo sapessimo porgeremmo una mano per aiutarli”

Di Tiziano Grottolo - 30 August 2021 - 11:39

LEDRO. È un vero e proprio ritorno a casa per il regista trentino Jordi Penner che dopo aver portato il suo cortometraggio Amore cane” in diversi festival italiani e internazionali ha deciso di fare tappa nella sua Valle di Ledro. La serata, che si terrà il prossimo 2 settembre alle 20e30 al Centro Culturale di Locca in val Concei (Ledro), rappresenta un’occasione davvero speciale. Sarà proprio il regista nonché docente di audiovisivi ledrense a raccontare come nasce un film portando gli esempi del suo primo cortometraggio (vincitore al Riff di Roma i una menzione speciale) e presentando il nuovo progetto “Pietre Sommerse” che si girerà in Val di Ledro.

 

Durante la serata verranno mostrati tutti i reali materiali di progettazione del suo nuovo cortometraggio, dalla sceneggiatura, passando per moodboard, storyboard (disegni preparatori) e tutti i documenti che accompagnano la nascita di un film. Sul palco si alterneranno anche gli interventi di tutti i promotori del festival. Il biglietto è gratuito ma va prenotato su eventbrite.com per garantirsi uno dei duecento posti disponibili e aiutare l’organizzazione a gestire in sicurezza la serata. Il green pass sarà obbligatorio.

 

La serata è promossa da Cassa Rurale di Ledro, Comune di Ledro, Centro Trentino di Solidarietà Onlus, Associazione Encontrarte, Busa Film Fest e Motion Studio Production. Fra gli altri saranno presenti Marco Gabrielli, Antonio Simula, Massimiliano Rosa, Emma Bresciani, Marco Benvenuti a rappresentare i rispettivi enti ed aziende.

 

Tornando invece al nuovo progetto, Pietre Sommerse, è possibile anticipare che il corto è già entrato in produzione. Ambientato interamente in val di Ledro il corto affronta un tema molto difficile, quello delle dipendenze e delle malattie mentali che possono seguire un trauma infantile dando uno sguardo dall'interno di una terribile storia famigliare. La storia racconta il giorno decisivo per il complicato rapporto tra due fratelli sulla quarantina, Elia e Carlo, che da tutta la vita patiscono le conseguenze psicologiche di una violenza domestica subita quando erano solo ragazzini.

 

“Questo cortometraggio – racconta Penner – vuole combattere il pregiudizio e promuovere l’inclusione, perché spesso giudichiamo le persone senza chiederci quale sia la loro storia, che cosa gli sia successo nella vita. La verità è che se lo sapessimo porgeremmo una mano per aiutarli”. Come già anticipato non mancherà un forte legame con il territorio. “Sono felice – prosegue il regista – di portare un film nei luoghi in cui sono cresciuto e per di più un film che porta un messaggio importante, che sento molto vicino e autentico. Ho perso amici e conosciuto tante persone che purtroppo non possono guardare a fatti come quelli qui narrati solo come ‘storie’. È la loro vita”.

 

Per sostenere il progetto, è stata lanciata anche una campagna di raccolta fondi. Per chi volesse sostenere il progetto lo si trova sulla piattaforma di crowdfunding EppelaSul sito è possibile donare una piccola cifra e ricevere in cambio ringraziamenti, gadget del corto, il proprio nome nei titoli di coda e simili. Con una cifra più consistente è possibile addirittura decidere di diventare coproduttori del corto.

 

L’opera è prodotta da Motion Studio di Marco Benvenuti, sostenuta da Comune di Ledro e Cassa rurale di Ledro ed è patrocinata dal Centro Trentino di Solidarietà Onlus che che dal 1984 si occupa quotidianamente di aiutare persone con problemi di dipendenza da droghe, disturbi psichici e malattie gravi a ritrovare se stesse e reinserirsi in società.

 

È importante sottolineare inoltre che la produzione sarà rispettosa dell’ambiente. L’organizzazione infatti si pone l’obiettivo di rispettare il protocollo Green Film creato dalla nostra Trentino Film Commission alla quale è stata presentata richiesta di sostegno da parte della produzione del corto che entrerà nel vivo a metà settembre sulle spiagge del lago di Ledro.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 ottobre - 12:16
Solo il 3,8% dei soggetti deceduti a causa del Covid aveva completato il ciclo vaccinale, in tre mesi sono stati 1.440 contro i 33.620 morti fra i [...]
Economia
20 ottobre - 09:31
Secondo Confesercenti gli studenti che escono dalle scuole alberghiere con un buon grado di formazione sono pochi e spesso manca la voglia di fare [...]
Società
20 ottobre - 11:13
Da Instagram a Facebook fino a TikTok: i maggiori social del pianeta 'censurano' le opere di nudo e i musei della capitale austriaca hanno deciso [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato