Contenuto sponsorizzato

De Gregori incanta Trento in una Piazza Duomo stupenda e dopo mesi di dolore si torna in presenza tra emozioni e grandissima musica

E' stato un evento praticamente perfetto quello di ieri nel primo appuntamento del Trento Summer Festival. Il cantante romano ha eseguito tantissimi pezzi e non si è risparmiato tra chitarra, armonica e band. Poi ha concluso ricordando a tutti di continuare a rispettare le regole ''per rivederci la prossima volta in questa piazza ancora più vicini, più sereni, più felici''

Di Luca Pianesi - 31 luglio 2021 - 12:22

TRENTO. ''La storia siamo noi, nessuno si senta offeso'', ha cantato ieri sera Francesco De Gregori nella straordinaria cornice di Piazza Duomo a Trento chitarra in spalla, armonica in mano e band ad accompagnarlo tra energia e ricordi, emozioni. E per chi c'era la sensazione era davvero quella: che si fosse parte, tutti insieme, di una piccola pagina di storia della città forse anche della provincia o di qualcosa di più perché, dopo un anno e mezzo di difficoltà, problemi, paure, lutti e dolore, ieri è andato in scena, finalmente, un evento in presenza bello, pieno, forte da tutto esaurito, nella piazza più bella di tutte, sotto un cielo di stelle, con i bar a fare da contorno e a rendere il tutto ancora più suggestivo, occupati da tante persone. E ovunque tutti erano seduti, distanziati, felici di godere di quello spettacolo nel rispetto delle regole e del buon senso.

 


 

D'altronde lo ha detto anche De Gregori: rispettiamo le regole che sono fondamentali, anche se in qualche caso pesanti, e facciamo quello che c'è da fare ''per rivederci la prossima volta in questa piazza ancora più vicini, più sereni, più felici''. Perché la pandemia è ancora qui, inutile giraci intorno, e anche ieri sera lo ricordavano le mascherine che qualcuno, precauzionalmente, indossava anche se si stava all'aperto in un contesto assolutamente tranquillo oltre che i dispenser all'ingresso e le attenzioni che tutti avevano.

 


 

De Gregori non si è risparmiato, fresco dei suoi 70 anni compiuti lo scorso aprile, ed ha eseguito pezzi straordinari che hanno fatto la storia della musica italiana: Generale, La Storia siamo noi, Rimmel, La Donna Cannone, Viva l'Italia, Il Cuoco di Salò, La Leva Calcistica del '68, Alice, Pezzi di Vetro e tante, tante altre. Ci sono stati momenti più cantautoriali (''fare la gavetta mi ha insegnato che massimo tre pezzi con chitarra e voce si possono eseguire consecutivamente'', ha detto agli spettatori rievocando alcuni aneddoti della giovinezza) e momenti più rock, emozioni ed energia. 

 


 

Un concerto con i fiocchi, in presenza, bello, pieno, forte e allora Viva l'Italia ''L'Italia con gli occhi asciutti nella notte scura Viva l'Italia, l'Italia che non ha paura'' ''L'Italia con gli occhi aperti nella notte triste Viva l'Italia L'Italia che resiste''. E questa sera sarà la volta di Annalisa. Il Trento Summer Festival, quest'anno, ha avuto un valore sociale, oltre che culturale, fortissimo (lo ricordava a il Dolomiti l'organizzatore Alessandro Raffaelli di Radio Italia Anni 60: ''siamo entusiasti di questa sesta edizione dopo i due anni di stop”). La speranza è davvero quella di avere altri dieci, cento, mille eventi di questo tipo nei prossimi mesi per stare, come ha detto De Gregori, sempre più vicini, più sereni e più felici. In città, possibilmente, per tornare ad essere comunità. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
18 aprile - 20:41
Da Rovereto a San Martino, tante destinazioni con incrementi a doppia cifra. Il Garda (con Ledro, Comano e valle dei Laghi), la Val di Fassa e [...]
Società
18 aprile - 18:04
Il punto di Confesercenti Bolzano: "È molto difficile reperire personale, in particolare sotto i 40 anni. Ma non perché manchi la [...]
altra montagna
18 aprile - 12:00
In seguito alla pubblicazione di un documentario allarmista sulla situazione dell'area, i Campi Flegrei e il Vesuvio sono tornati ad occupare un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato