Contenuto sponsorizzato

Piano Cultura 2021: a Rovereto 68 eventi in programma, Cossali: "C'è una grande voglia di rinascita"

Da Oriente Occidente al Centenario del Museo della Guerra: dal Comune oltre 210mila euro di investimenti, di cui quasi 40mila di messa a disposizione di strutture e professionalità tecniche, per favorire le varie associazioni sul territorio e rilanciare manifestazioni ed eventi culturali in città, sperando in un miglioramento della situazione contagi

Di Filippo Schwachtje - 30 marzo 2021 - 18:25

ROVERETO A Rovereto nonostante l'emergenza sanitaria non manca la speranza: 68 eventi in programma, 44 associazioni coinvolte e 213 mila euro di investimenti per la stagione culturale 2021.

 

“Auspichiamo una situazione – spiega l’assessora alla Cultura, creatività giovanile ed innovazione Micol Cossali – in particolare durante la bella stagione simile a quella vissuta l'anno scorso, quando i contagi sono diminuiti sensibilmente permettendo lo svolgersi di una serie di eventi”. Fanno capolino nel programma 2021 alcuni grandi classici della tradizione roveretana, in particolare il progetto Opera, la stagione dei Concerti della Filarmonica ed il Festival Oriente-Occidente.

 

L'anno scorso la situazione sanitaria a cavallo di agosto e settembre aveva permesso il coinvolgimento della popolazione all'interno della kermesse dedicata alla danza contemporanea, con numerosi appuntamenti su tutto il territorio cittadino. “Quest’anno – sottolinea però Cossali – non sappiamo come sarà la situazione, speriamo ovviamente che l'estate porti un calo nel numero di contagi ma non si possono fare previsioni: si farà ciò che si potrà fare. Mi preme però sottolineare che nonostante la situazione difficile che si trova ad affrontare tutto il mondo culturale abbiamo ricevuto moltissime proposte e la voglia di rinascita non manca. Bisognerà riuscire a trovare soluzioni ottimali nei limiti del possibile, ma le associazioni e gli enti culturali in città hanno voglia di esserci, di non arrendersi”.

 

Sarà necessario, in poche parole, rimodulare l'offerta culturale in base alla situazione contingente, favorendo le attività in presenza se – come accaduto lo scorso anno – i numeri lo permetteranno e puntare su modalità a distanza in caso contrario.

 

Il Comune si è messo in gioco investendo 174 mila euro in stanziamenti diretti e 39 mila in vantaggi economici, che prevedono la messa a disposizione per associazioni e realtà culturali degli spazi e del supporto tecnico e professionale dell’amministrazione.

 

Tra le iniziative più importanti per il 2021 anche una serie di manifestazioni legate al centenario del Museo Storico della Guerra ed attività musicali e teatrali in collaborazione con gli allievi del Cdm e di Teatrodanza. “Lo spirito di quest'anno è stato quello di una progettualità che nasce dal basso – conclude Cossali – dal mondo associativo culturale che viene valorizzato proprio attraverso il Piano. Certo non manca la consapevolezza della situazione che stiamo tutti vivendo: noi siamo pronti, la speranza è di poter partire”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 20:40
La 65enne è stata trovata nell'acqua da alcuni passanti, immediato l'allarme e l'avvio della manovre salvavita ma purtroppo per Liviana Ierta [...]
Cronaca
21 maggio - 21:28
Le fiamme partite da un quadro elettrico. Decine e decine i vigili del fuoco intervenuti per evitare che l'incendio potesse interessare altre parti [...]
Cronaca
21 maggio - 16:43
Erano circa 200 gli operatori di Dolomiti Ambiente impegnati in questi giorni nelle operazioni di pulizia per il post-concerto di Vasco Rossi, il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato