Contenuto sponsorizzato

Un confronto fra generazioni trentine in una serie di scatti a Castel Belasi (FOTO): al via il 24 giugno a “Beata gioventù. Da Faganello a Instagram”

L'inaugurazione dell'evento è prevista venerdì 24 giugno, alle 17 e 30, nella preziose cornice di Castel Belasi a Campodenno, di recente aperto al pubblico dopo anni di impegnativi lavori di restauro e ora valorizzato anche come sede espositiva dell'Archivio fotografico storico provinciale: la mostra proporrà un'intrigante selezione di fotografie che, attraversando culture e mondi giovanili, si fa motore di un vivace confronto fra generazioni

 

Pubblicato il - 21 giugno 2022 - 18:58

TRENTO. Sarà Castel Belasi la splendida cornice di “Beata gioventù. Da Faganello a Instagram”, la mostra che aprirà i battenti il 24 giugno alle 17 e 30 a Campodenno e che proporrà un'intrigante selezione di fotografie, attraversando culture e mondi giovanili per farsi motore di un vivace confronto fra generazioni. L'iniziativa si incentrerà sull'opera del fotografo trentino Flavio Faganello (1933-2005), grande narratore per immagini che tra gli anni Sessanta e Settanta fu in grado di cogliere tempestivamente i segni della fragorosa irruzione sulla scena della gioventù, come 'nuovo' soggetto sociale.


Alle testimonianze visive dei 'giovani di ieri' (affiancate da saggi, romanzi, riviste e citazioni da scritti con contemporanei, oltre che dalle canzoni in voga allora), si contrapporranno una scelta di immagini del progetto Ti conosco mascherina” del Centro cultura fotografica Trento, che nel 2021, per la Circoscrizione di Gardolo, si è confrontato con l'esperienza della pandemia e il tema dell'alterazione della percezione del volto determinata dall'uso della mascherina, lasciandoci al contempo un'immagine di una gioventù trentina che nel tempo si è fatta più diversa e plurale.


Il percorso, spiegano gli organizzatori, si concluderà poi con una serie di scatti raccolti attraverso il concorso fotografico amatoriale, promosso in collaborazione con la Pro Loco Castel Belasi di Campodenno, per sollecitare la partecipazione al progetto della comunità attraverso scatti ritrovati negli album di famiglia o dedicate ai giovani del terzo millennio. I vincitori del concorso saranno annunciati e premiati nel corso della cerimonia inaugurale. La proposta, pensata e realizzata da un team intergenerazionale, si completa infine attraverso il parallelo racconto per immagini proposto, con particolare attenzione ai linguaggi e alla sensibilità del pubblico dei coetanei, da un trio di studentesse universitarie attraverso il profilo Instagram dedicato @mostra_castel_belasi.


Alla conferenza stampa di presentazione, moderata dalle curatrici della mostra Marta Villa e Katia Malatesta, erano presenti Franco Marzatico, soprintendente per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento , Giuseppe Sciortino, direttore del Dipartimento di sociologia e ricerca sociale dell'Università di Trento e Daniele Biada, sindaco di Campodenno. "Gli scatti scelti rappresentano uno spaccato sociale – ha commentato Marzatico – quasi un'incursione di "archeologia domestica" nella nostra comunità, che appare in profonda trasformazione, con l'innovazione portata dagli studenti, dalle lotte per l'emancipazione, dalle nuove mode e dalla nuova musica. Una dialettica interna che ci fa riflettere e vede però anche uno sguardo ironico da parte di Faganello, che ci permette di focalizzare un paesaggio culturale ed esperienze di vita sociale e collettiva".


La valorizzazione del fondo fotografico e la sua capacità di mostrare i grandi cambiamenti che, come nel caso della mostra presentata oggi, sono intercorsi dal '68 ai giorni nostri, sono stati evidenziati anche nell'intervento di Sciortino. Il sindaco Biada ha ricordato che Castel Belasi, di recente aperto al pubblico dopo anni di impegnativi lavori di restauro e ora valorizzato anche come sede espositiva dell'Archivio fotografico storico provinciale, dopo vent'anni di lavori di restauro rivive ora aprendosi a progetti di valore, che in questo caso completano anche la proposta culturale con un concorso fotografico rivolto ai giovani.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 luglio - 21:00
Le attività sono previste nell'area del Gran Vernel, zona che in queste ore ha restituito i resti di due alpinisti travolti dalla valanga di [...]
Montagna
06 luglio - 17:10
Troppe polemiche dopo la tragedia della Marmolada, l’appello del soccorso alpino: “Cerchiamo tutti di imparare da questo grande dolore e dalla [...]
Cronaca
06 luglio - 17:45
Il Cai Alto Adige esprime la propria vicinanza alle vittime dei famigliari e delle persone ancora disperse dopo il tragico avvenimento avvenuto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato