Contenuto sponsorizzato

Accolti in Provincia i 57 nuovi assunti under-32: ''Siete il nostro futuro, aiutateci a innovare''

Avranno un contratto di due anni e poi il passaggio al tempo indeterminato sarà quasi scontato. Il vice Alessandro Olivi: "Ci aspettiamo tanto da voi anche che ci diciate le cose che non vanno"

Di db - 28 novembre 2017 - 19:25

TRENTO. Tutti questi giovani all'interno della sala istoriata da Fortunato Depero, vestiti bene chi con la cravatta chi col tailleur, sembravano pronti per il gran ballo delle debuttanti. Erano invece all'anteprima del loro primo giorno di lavoro, al saluto ufficiale della Provincia Autonoma di Trento per il loro ingresso nell'Amministrazione.

 

Tra i 1.700 che si sono presentati al concorso saranno assunti in 57, e oggi sono stati accolti dal vicepresidente Alessandro Olivi a nome della Giunta, dal direttore generale Paolo Nicoletti a nome dell'amministrazione e dal direttore dell'Azienda Sanitaria Paolo Bordon.

 

Avranno un contratto di due anni, saranno seguiti da un tutor e poi il passaggio al tempo indeterminato, assunti dalla Provincia autonoma di trento o dall'Azienda sanitaria, sarà quasi scontato e il sogno del posto fisso nel Pubblico impiego diverrà realtà. 

 

"Io non so quale sia il vostro giudizio in generale sulla Pubblica amministrazione - ha detto Nicoletti - so che non gode di grande fama. Non so nemmeno per quale motivo vi siate spesi in questa avventura".

 

"Ma qualunque sia il vostro giudizio e la vostra motivazione - ha continuato il dirigente - io vi dico che entrate in un ente importante, e personalmente mi aspetto rispetto per questo ente, oltre alla consapevolezza che siete in un'importante amministrazione".

 

Un inizio forse un po' troppo severo, mitigato poi dalle parole del direttore dell'Apss Bordon: "Quelli che lavoreranno per noi saranno dei privilegiati - ha spiegato alla platea - perché l'Azienda sanitaria trentina è al vertice di tutte le classifiche".

 

"Ma se lavorando con noi vi annoierete - ha proseguito - venite a dircelo. La vostra energia per noi è importante e sarà compito nostro permettervi di esprimerla. Chi salirà a bordo della nostra Azienda parteciperà al cambiamento e la vostra freschezza ci darà senza dubbio uno slancio in più".

 

Alessandro Olivi, a nome di Ugo Rossi impegnato a Roma per l'assestamento di bilancio, ha esordito con un'informale "Ciao Ragazzi!". Ha poi spiegato che la parola centrale è una solo: "Futuro". Perché, secondo l'assessore, "l'Autonomia deve per forza essere elemento di innovazione, altrimenti non è niente".

 

"L'Autonomia ha radici ma deve essere al tempo stesso proiettata verso il futuro, altrimenti è destinata a soccombere. Per questo la parola futuro è importante, e per questo l'innovazione, anche della classe dirigente, è imprescindibile".

 

"Voi - ha proseguito - rappresentare il frutto di una scelta di questa amministrazione, una scelta politica. E che nessuno vi dica che questa è una brutta parola. Perché la nostra Provincia non è solo burocrazia ma è fatta di scelte, di politica, è fatta dalla stessa comunità trentina, nessuno escluso". 

 

"Ci aspettiamo tanto da voi - ha affermato - anche che ci diciate le cose che non vanno. Ecco - ha poi specificato con ironia - magari aspettate un attimo, non proprio subito: ma aiutateci a cambiare in meglio".

 

"Noi - ha concluso - un'opportunità ve l'abbiamo data. Ora regalate anche a noi l'opportunità di cambiare, di innovare, di guardare al futuro con voi". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato