Contenuto sponsorizzato

Dalla Fondazione Mach arrivano ottanta nuovi imprenditori agricoli, dal 1986 a oggi oltre 2mila iscritti al corso

Lunedì prossimo la cerimonia di consegna dei brevetti e al via il nuovo corso: 110 domande per 64 posti. I nuovi imprenditori riceveranno il finanziamento dalla Provincia per il primo insediamento

Pubblicato il - 17 novembre 2017 - 12:39

TRENTO. Sono ottanta i nuovi imprenditori agricoli che hanno completato il percorso di formazione biennale 2015/17 e che ottengono così il sostegno provinciale per il primo insediamento. Lunedì prossimo l'assessore Michele Dallapiccola consegnerà i brevetti all'aula magna della Fondazione Mach e contestualmente partirà la nuova edizione del corso di 600 ore con 64 aspiranti selezionati tra 110 candidati.

 

Un momento che vede la partecipazione di Sergio Menapace (direttore generale), Marco Dal Rì (dirigente Centro istruzione e formazione) e gli organizzatori del corso Paolo Dalla Valle e Carlo Micheli.

 

Il percorso formativo è rivolto ai giovani di età compresa tra 18 e 40 anni che intendono insediarsi in agricoltura e quindi ottenere il premio di primo insediamento in azienda agricola, ma che non sono in possesso di un titolo di studio rilasciato da una scuola superiore agraria.

 

L’obiettivo del corso è quello di garantire l’acquisizione di una serie di competenze mirate alla corretta gestione di un’azienda agricola e il conseguimento del brevetto professionale di imprenditore agricolo.

 

Dall’anno di attivazione nel 1986 ad oggi, il corso per la qualificazione professionale dei giovani imprenditori agricoli ha registrato oltre duemila iscritti. L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell'attività di qualificazione professionale agricola programmata dal Centro istruzione e formazione finanziato dalla Provincia di Trento.

 

Il trend delle iscrizioni negli ultimi dieci anni è buono, si va dai 60 del 2006/08 alle 120 candidature e 65 ammissioni al corso nell'ultima edizione, mentre la partecipazione femminile, per alcuni anni in costante crescita (fino a punte massime del 35%), si è ormai stabilizzata mediamente intorno al 25/30 % delle adesioni.

 

La panoramica dei corsisti per titolo di studio ammessi al percorso di formazione va dall'11% del diploma di laurea al 47% del diploma di scuola superiore, dal 22% di qualifica professionale al 20% in possesso di licenza di scuola media.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato