Contenuto sponsorizzato

Truffa all'Inps, 79enne torna in Marocco ma per 6 anni riceve l'assegno sociale

L'uomo è stato individuato grazie ai controlli della Guardia di Finanza che ha rintracciato in tutto 70 "furbetti" recuperando 83 mila euro 

Pubblicato il - 31 ottobre 2017 - 09:52

TRENTO. Avrebbe continuato a ricevere un assegno sociale di circa 580 euro dal 2010 al 2016 dichiarando la propria dimora a Trento pur  essendo tornato da diverso tempo in Marocco. L'autore del raggiro ai danni dell'Inps è un uomo straniero di 79 anni.

 

L'assegno sociale è un aiuto economico che viene dato a persone che si trovano in situazioni di povertà o comunque in condizioni disagiate. Uno dei requisiti fondamentali per poterne essere beneficiari è quello di essere residenti nel nostro Paese.

 

Ecco allora che nel corso di alcuni controlli è stato individuato il 79enne straniero che sarebbe riuscito, non comunicando di non vivere più in Trentino, a raggirare l'Inps. Un vero e proprio raggiro che in sei anni avrebbe permesso all'uomo di incassare quasi 49 mila euro. I controlli effettuati dalla Guardia di Finanza avrebbero quindi permesso di bloccare l'erogazione dell'assegno e l'uomo è stato denunciato.

 

Sempre la Guardia di Finanza avrebbe portato a individuare 70 “furbetti” che, dopo false attestazioni, avrebbero ricevuto degli aiuti economici. Sono stati recuperati oltre 83 mila euro di indebite erogazioni. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato