Contenuto sponsorizzato

Chiude la catena Promod. A casa i dipendenti anche in Trentino

L'azienda ha un punto vendita in via Oss Mazzura a Trento. La comunicazione è arrivata ieri ai sindacati. In regione sono 12 le persone che lavorano nei punti vendita di Trento, Bolzano e Merano

Pubblicato il - 03 febbraio 2018 - 10:37

TRENTO. Chiude i battenti la catena Promod. L'azienda, che ha un punto vendita anche a Trento in via Oss Mazzurana ha comunicato la decisione alle parti sindacali con “l'avvio di licenziamento collettivo per cessazione di attività in tutti i 37 punti vendita presenti sul territorio italiano e degli uffici di Cinisello Balsamo per un totale di 176 dipendenti”.

 

A Trento, spiegano i sindacati,  le persone che lavorano nel punto vendita sono 5. Sarà avviata la “procedura di mobilità per cessata attività”. La motivazione data dall’azienda è quella della crisi economica internazionale e la difficile

congiuntura nazionale che hanno inciso negativamente sull’attività e sui risultati economici della Società, confermando un trend iniziato già nel 2012.

 

“I dipendenti sono rimasti ovviamente scioccati dalla comunicazione. Giravano delle voci, ma in concreto si è saputo solo oggi (ieri ndr) della cessazione dell’attività. Un duro colpo anche perché l’occupazione nella grande distribuzione organizzata è quasi esclusivamente al femminile. Questo significa tanti sacrifici per le donne e le famiglie coinvolte, già penalizzate dal part-time e paghe basse, con turnistiche che rendono difficile la conciliazione famiglia e lavoro, spiegano Annalisa Santin e Mauro Baldessari, della Segreteria regionale Uiltucs.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco sono dovuti partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

06 luglio - 16:28

In fase Covid-19 l'uomo era stato trasferito ai domiciliari nella casa di lui e lei e questo aveva scioccato la famiglia di Eleonora che da quasi un anno chiede giustizia per la barbara uccisione della giovane donna. Negli scorsi giorni la perizia ha confermato che l'uomo è capace di intendere e volere e ora rischia l'ergastolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato