Contenuto sponsorizzato

Mille precari, presidio al Festival dell'Economia della Fp-Cgil

Il 2 giugno saranno in via Manci. iI sindacati: "Senza di loro tanti servizi a rischio blocco, stabilizzarli non costerebbe nulla: sono già a libro paga. Il problema è ammettere gli errori nel blocco del turnover e nella pianificazione degli organici"

Pubblicato il - 31 maggio 2018 - 16:44

TRENTO. La Fp-Cgil ha chiamato a raccolta il variegato mondo del precariato 'pubblico', alcuni precari da vent'anni: con loro sarà al presidio organizzato in occasione del Festival dell'Economia, in via Manci il 2 giugno prossimo. 

 

"Educatrici di nidi, addetti d’appoggio delle scuole dell’infanzia, cuochi, operatori socio assistenziali delle case di riposo, dipendenti della Provincia, dei musei e di altri enti strumentali - spiega il sindacato - i precari 'pubblici' trentini sono più numerosi di quanto si immagini".

 

Ieri, in una sala gremita in via Gilli, il segretario generale di Fp Cgil Giampaolo Mastrogiuseppe e i funzionari Stefano Galvagni e Patrizia Emanuelli hanno tracciato i contorni di una situazione con molte sfaccettature, tutte accomunate dalla necessità di ottenere, dalla politica, una presa di posizione chiara: un impegno ad adattare alle esigenze del Trentino le opportunità della legge Madia che permette la stabilizzazione dei precari.

 

"La difficoltà più grande insita nella legge Madia è data dal fatto che la prima condizione per stabilizzare un precario pubblico è la presenza del posto nel fabbisogno organico. Qui nasce il cortocircuito - spiegano i sindacalisti - perché la politica di riduzione degli organici e di blocco del turnover ha stabilito che per fare le stesse cose bastano meno persone".

 

"I fatti dimostrano che senza i cosiddetti dipendenti fuori organico, gli enti non potrebbero garantire i propri servizi. Questi dipendenti, però, non sono stabilizzabili visto che il loro posto in organico non esiste. Ecco quindi che subentra l’effetto del Job’s act: dopo 3 anni niente più rinnovi di contratti a tempo".

 

Si tratta di centinaia di persone mandate a casa: l’equivalente di diverse aziende. "Le dimensioni dell’allarme tendono a sfuggire perché si tratta di personale sparso su decine e decine di enti. Negli anni, gli effetti aberranti di questa situazione si sono moltiplicati". L’esempio più noto è quello dell’esternalizzare alle cooperative.

 

"Si va a fare lo stesso lavoro per lo stesso ente, ma passando da una cooperativa. Nel migliore dei casi si guadagna la stessa cifra, di solito però lo stipendio cala: ovvio se si introduce un passaggio ulteriore tra due soggetti e con la pretesa di risparmiare. Ma il caso più assurdo - affermano i sindacalisti - è quello di enti che, non potendo più rinnovare i contratti precari a un dipendente, riescono a farlo rientrare nelle sue mansioni facendolo passare attraverso il Progettone".

 

Sempre legato al Progettone, ci sono i casi di utilizzo di personale "chiamato a svolgere funzioni che dovrebbero essere proprie di un dipendente, talvolta senza averne le qualifiche". Ecco quindo l'appello della Fp-Cgil: "Serve un accordo, tra la Provincia e i sindacati, che dia alle amministrazioni interpretazioni chiare sul percorso di stabilizzazione. È indispensabile che si stabilisca correttamente il fabbisogno di personale. È fondamentale, per non generare precariato a vita, un piano di assunzioni triennali con procedure concorsuali dedicate".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato