Contenuto sponsorizzato

''Più tecnologia e più consulenza'', la Cassa rurale attiva l'area self in via Belenzani

Un ampio locale per effettuare in modo semplice e autonomo le principali operazioni di sportello, quali versamento di contanti e assegni, prelievo di contante, ordini di bonifico, richiesta di saldo e movimenti di conto corrente, pagamenti per ricariche e abbonamenti, acquisto di buoni pasto e trasporto, pagamento bollo Aci

Pubblicato il - 31 agosto 2018 - 12:18

TRENTO. "Più spazio alla tecnologia, più tempo alla consulenza", questo lo slogan della Cassa rurale di Trento nel lanciare il progetto "Banch'io". Questo piano, avviato cinque anni fa, è oggi attivo in nove filiali dell'istituto di credito cooperativo, cioè nelle aree self di via Solteri, San Donà, via Gandhi, piazza Fiera, Piedicastello, Mattarello e Ravina, ma da lunedì prossimo anche in via Belenzani e in quel di Aldeno.

 

In centro storico a Trento, nella sede di via Belenzani, soci e clienti, trovano a disposizione un ampio locale per effettuare in modo semplice e autonomo le principali operazioni di sportello, quali versamento di contanti e assegni, prelievo di contante, ordini di bonifico, richiesta di saldo e movimenti di conto corrente, pagamenti per ricariche e abbonamenti, acquisto di buoni pasto e trasporto, pagamento bollo Aci.

 

In orario d'ufficio si può contare anche sulla consulenza di una collaboratrice della Cassa rurale. "Possiamo offrire alla clientela la stessa tecnologia delle grandi banche – spiega Giorgio Fracalossi, presidente della Cassa rurale di Trento - un'ulteriore opportunità che si aggiunge al servizio offerto agli sportelli. Soci e clienti possono così svolgere l'80% delle operazioni in autonomia. Questo libera gli sportelli dalle attività di routine e i nostri addetti possono dedicare più attenzione alla consulenza".

 

Il progetto vede la creazione di aree automatizzate nelle principali filiali della banca dotate di tecnologia espressa in sportelli Atm evoluti per offrire ulteriore opportunità di compiere le tradizionali operazioni bancarie in facilitazione di orario (ininterrottamente dalle 6 del mattino alla mezzanotte).

 

Un risparmio dei tempi d’attesa rispetto al servizio tradizionale di sportello, e in gestione semplice e autonoma, con il supporto di video tutorial e la presenza in orario di ufficio di personale d’assistenza.

 

In termini percentuali le operazioni allo sportello effettuabili anche negli Atm evoluti sono oltre l’80% del totale, con maggior frequenza proprio delle più semplici: richiesta di saldo e movimentazione del conto corrente (8%), prelevamenti (23%), versamenti (41%), ordini di bonifico (21%). Operazioni che, se effettuate allo sportello tradizionale, provocano congestione e code con lunghi e noiosi tempi di attesa.

 

"Insomma – concludono i responsabili del progetto - si tratta di una evoluzione tecnologica coerente con lo sviluppo dei servizi digitali di questi ultimi anni che registra il dato di quasi 40 mila stazioni attive di internet banking (InBank), raggiungibili tramite supporti di computer, tablet e smartphone, ma anche la diffusione di applicazioni innovative come il servizio di trasmissione di somme di denaro via smartphone, come Jiffy".

 

Cassa rurale di Trento (dati al 30 giugno 2018) esprime 3,6 miliardi di euro di massa amministrata, 1.668 milioni di euro di raccolta diretta, 948 milioni di raccolta indiretta, 1.014 milioni di crediti netti alla clientela e utile (primo semestre 2018) pari a 2,2 milioni di euro. Le filiali sono ventinove a servizio del territorio dei comuni di Trento, Aldeno, Cimone e Garniga Terme.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

Ci auguriamo che non ci sia una ''prossima volta'' parlando di epidemie e che quindi questa sia solo un'uscita infelice di Segnana, l'attacco a un organismo professionale che in questi mesi non si è risparmiato per cercare di risolvere le criticità, senza magari tutti quegli elementi in mano alla task force e l'esecutivo, appare davvero ingeneroso

25 maggio - 10:21

Drammatico incidente sulla strada provinciale 53, dove un 55enne è deceduto in seguito alle gravi ferite riportate. Inutili i tentativi dei sanitari di rianimarlo

25 maggio - 09:52

Sul posto è atterrato anche l'elicottero e ci sono due ambulanze. E' intervenuto il medico rianimatore. Secondo le primissime informazioni ci sono tre feriti 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato