Contenuto sponsorizzato

Sanità, la Cisl a Zeni: "Si valorizzino le professionalità di tutti. Si quantifichino risorse certe e aggiuntive"

Un mese fa il tavolo tecnico con l'assessore aveva fatto ben sperare i sindacati ma ad oggi nulla si è mosso. Cosa si chiede? Si va dall’aggiornamento delle indennità di turno alla valorizzazione dell'operatore socio-sanitario ed altro

Di Cisl funzione pubblica, spazio autogestito - 10 febbraio 2018 - 22:25

TRENTO. "Dopo un mese il fronte della sanità ancora non si muove. Siamo pronti a organizzare dei presidi informativi  negli ospedali trentini  per far valere le nostre ragioni: è tempo che tutte le professionalità del settore vengano valorizzate", queste le parole di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, che aggiunge: "Chiediamo all'amministrazione provinciale di quantificare l'ammontare delle risorse aggiuntive e un ruolo di primo piano delle Rsu dell'Azienda sanitaria nell'assegnazione dei fondi. Serve rilanciare una nuova alleanza con  il cittadino".
 
A questo proposito la Cisl aveva già inviato nei mesi scorsi una lettera al presidente Ugo Rossi e all'assessore Luca Zeni per avviare questo processo. Si è svolto anche un tavolo tecnico, dall'esito però interlocutorio e tanto lavoro è rimasto da chiarire.  "L’impegno della Giunta - prosegue il segretario - deve essere quello di quantificare risorse certe e aggiuntive per accompagnare il piano di valorizzazione di tutte le professionalità necessario per far camminare il comparto e accompagnare il settore in questo percorso di riqualificazione e omogenizzazione, che riguarda tutte le professioni sanitarie e non". 
 
Il sindacato ha inoltre presentato una propria piattaforma per trovare la quadra e sottoscrivere un contratto moderno in grado di valorizzare tutti i comparti che quotidianamente si spendono nelle rispettive mansioni.
 
"Abbiamo ribadito - evidenzia Silvano Parzian della Cisl - la necessità che siano i lavoratori a decidere come destinare le risorse aggiuntive, ma prima di tutto servono certezze economiche e la valorizzazione della Rsu aziendale che non può rimanere inascoltata. E' importante un accordo, trasversale, che può garantire a tutti i lavoratori il riconoscimento delle professionalità e dell’apporto che a diverso titolo lavorano in un’Azienda da oltre 8 mila dipendenti ogni giorno al servizio dei cittadini".
 
Sono tanti i punti all'ordine del giorno che la Cisl intende migliorare: si va dall’aggiornamento delle indennità di turno alla valorizzazione dell'operatore socio-sanitario. Ma anche l'omogenizzazione con le Autonomie locali del personale tecnico amministrativo e operaio, così come l'erogazione in armonia con la Provincia del trattamento di fine servizio e la riqualificazione di tutto il personale in turno.
 
"L'apertura mostrata dall'assessore Luca Zeni - conclude Pallanch - era stata positiva, ma serve che alle parole seguano i fatti e risorse adeguate. E' fondamentale quantificare e valutare le risorse aggiuntive: la trattativa deve però avvenire in azienda con la partecipazione della Rsu e assicurando una maggiore chiarezza per quanto riguarda l'utilizzo delle risorse. Oggi però tutto è ancora fermo e non possiamo permetterci di perdere altro tempo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato