Contenuto sponsorizzato

Stazione di Mori, Arcese lascia 10.000 metri quadrati a Dana

Intesa siglata con Trentino Sviluppo: nel piazzale nascerà un circuito di collaudo per mezzi pesanti e fuoristrada

Pubblicato il - 28 dicembre 2018 - 16:34

TRENTO. Alla stazione di Mori Arcese fa spazio a Dana. L'intesa è di questa mattina: a favore del gruppo automotive saranno messi a disposizione circa 10.000 metri quadrati di spazi che al momento servono per il piazzale di stazionamento del gruppo arcense degli autotrasporti.

 

La novità emerge dalla rinegoziazione odierna dei termini della locazione finanziaria stipulata nel 2009 tra Arcese e Trentino Sviluppo. "Considerata la posizione strategica dell'area, nel cuore di una zona industriale ormai satura, e il progressivo passaggio di Arcese al settore dei servizi logistici e di gestione della mobilità integrata intermodale, è stato concordato l’utilizzo da parte di Dana di circa 10.000 metri quadrati del piazzale sud in precedenza occupato da Arcese", recita una nota diffusa in seguito all'intesa.

 

Il contratto stipulato con Dana da Trentino Sviluppo sarà di locazione ordinaria. Il gruppo userà i nuovi spazi a disposizione come parcheggio e movimentazione logistica delle merci. Vi sarà inoltre realizzato un circuito di collaudo per veicoli pesanti e fuoristrada, una cosiddetta "Vehicles testing and validation area".

 

"Con questa operazione - sottolinea l'assessore provinciale allo Sviluppo economico Achille Spinelli - veniamo incontro alle esigenze di Dana e ottimizziamo il nostro intervento rispetto al gruppo Arcese. Un accordo che vede Trentino Sviluppo agire con rapidità e flessibilità per valorizzare i propri asset produttivi mettendoli a disposizione di aziende in forte crescita con esigenze di nuovi spazi".

 

Per Dana Italia interviene il presidente Rino Tarolli che spiega che il gruppo automotive "ha incrementato del 40% il proprio volume d'affari negli ultimi tre anni, arrivando a impiegare circa mille dipendenti nei due stabilimenti di Arco e Rovereto". A questi si aggiungono poi "oltre 500 posti di lavoro presso aziende locali dell'indotto".

 

Movimentazione merci e test saranno dunque gli ambiti di utilizzo principali della nuova area in capo a Dana. Arcese, in particolare, rinuncerà a una porzione dell'area concessa da Trentino Sviluppo nove anni fa che sarà data in locazione a Dana per sei anni, rinnovabili. Con l'accordo di oggi, inoltre, Provincia e Trentino Sviluppo si impegnano ad affiancare Arcese con gli strumenti di ricerca e innovazione previsti dalla legge 6 del 1999.

 

Attualmente il compendio Arcese a Rovereto sud si compone di due ampi piazzali con una superficie complessiva di circa 60 mila metri quadrati, ai quali si accede da via Fornaci. Il piazzale sud, che costeggia la ferrovia, è adibito a parcheggio dei mezzi pesanti, mentre quello a nord, che pure è utilizzato per lo stazionamento veicoli, ospita due edifici funzionali all'attività logistica del gruppo, un'officina e una palazzina uffici. 

 

L'intesa oggi è stata sottoscritta dall'assessore Achille Spinelli con il presidente di Trentino Trasporti Sergio Anzelini, il presidente e amministratore delegato di Arcese Matteo Arcese e dal presidente di Dana Rino Tarolli.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 marzo - 19:01

Non è solo una questione di prezzo, la filosofia dell'accoglienza è simile a quelle delle strutture extralberghiere, cioè la famigliarità di un agriturismo oppure di un bed and breakfast. Questaè una forma di ospitalità turistica pensata per i centri storici. Una soluzione che crea un 'senso di vicinato', risparmia l'ambiente e valorizza gli edifici già esistenti

20 marzo - 13:55

Era successo a Catania nel 2016. I due cani avevano aggredito il bimbo davanti alla madre ed erano poi stati affidati all'Arcadia Onlus di Rovereto

20 marzo - 17:13

La correlazione evidenziata nello studio pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della National university of Singapore. Bastano 300 grammi, appena due porzioni a settimana, per dimezzare il rischio di sviluppare un disturbo cognitivo minore dopo i 60 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato