Contenuto sponsorizzato

''Strike! Storie di giovani che cambiano le cose'', aperte le iscrizioni per il concorso che premia i nuovi talenti

Fino al 30 luglio si potranno inviare le storie di under35 che hanno ottenuto qualcosa, dall'impresa all'autonomia personale, dalla cultura al volontariato, dallo sport alla politica o alla tutela dell'ambiente. Le migliori 10 saranno selezionate e le prime 3 vinceranno 1.000 euro

Pubblicato il - 17 giugno 2018 - 20:19

TRENTO. Quasi due mesi per raccontare la propria storia di successo e ispirare altri giovani. Da pochi giorni è attivo il bando “Strike! Storie di giovani che cambiano le cose”, concorso giunto alla terza edizione e riservato a tutti gli under 35 (nati dopo l'1 gennaio 1983) nati, residenti o domiciliati nelle province di Trento, Bolzano, Belluno, Vicenza, Verona, Brescia e Sondrio.

 

Il progetto – realizzato dall'Agenzia per la famiglia, natalità e politiche giovanili, con la Fondazione Demarchi, Trentino Social Tank e Cooperativa Mercurio – ha lo scopo di far emergere le eccellenze dei giovani locali, condividerle in una serata e raccoglierle in un volume per spronare e incentivare quanti più coetanei possibile a rendere straordinaria la loro vita. A parte l'età non ci sono limiti per la partecipazione e i racconti possono spaziare dall'impresa all'autonomia personale, dalla cultura al volontariato, dallo sport alla politica o alla tutela dell'ambiente. Quello che veramente importa è avere raggiunto un primo traguardo, un obiettivo di cui andare orgogliosi.

 

Gli step sono semplicissimi: fino al 30 luglio è possibile partecipare compilando il form di partecipazione disponibile sul sito www.strikestories.com, preparare il proprio video, stampare e firmare il modulo di conferma che giungerà automaticamente alla propria mail e quindi inviare tutto il materiale a info@strikestories.it (si consiglia caldamente di utilizzare wetransfer). Tutte le storie pervenute entro la data di scadenza saranno vagliate. La giuria, anche quest'anno dai nomi importanti e composta dal presidente Swan Bergman curatore dei concerti di Vasco Rossi, l'innovatore Alessandro Garofalo, lo speaker di Radio Deejay Vic, la striker 2017 col progetto Quid Anna Fiscale, la responsabile della comunicazione di Grappe Bertagnolli Martina Bosetti e l'ex campionessa del mondo di ciclismo Diana Ziliute, selezionerà le migliori 10.

 

I 10 protagonisti (singoli o gruppi) vinceranno un corso di storytelling con la Scuola Holden e parteciperanno alla serata finale del 10 novembre allo Smart Lab di Rovereto. In quella serata saranno designati i vincitori della terza edizione e le migliori 3 storie riceveranno 1000 euro ciascuna per organizzare appuntamenti di restituzione sul proprio territorio. A questi si aggiunge un ulteriore premio di 500 euro riservato alla migliore storia votata dal pubblico durante la serata finale e, ulteriore novità, il premio “Storytelling”. Il finalista che avrà effettuato la miglior esposizione della serata riceverà infatti il premio storytelling offerta dal partner Favini, composto da due set di notebook realizzati con la carta ecologica “Crush”, due set di manga sketchbook, 2 set da corrispondenza realizzati con carta ecologica “Crush Agrumi” e due set di corrispondenza realizzati con carta ecologia “Crush Mandorla”.

 

Infine, tutte le 10 storie finaliste saranno raccolte e raccontate nel libro che dal 2019 sarà disponibile in tutte le librerie.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 18:58

Per Cgil, Cisl e Uil il ridimensionamento del bilancio di Agenzia del Lavoro si tradurrà in un contenimento della spesa per la formazione e la riqualificazione professionale, blocco agli incentivi alle assunzioni stabili per i disoccupati deboli, azzeramento della staffetta occupazionale, stop al reddito di attivazione. Il tutto mentre si investono 8 milioni in strategie di welfare che saranno superate dal governo nazionale

13 dicembre - 19:15

La specie in provincia è diffusa soprattutto in Valsugana. La Fem: ''E' molto resistente perché capace di creare delle nicchie ad altitudini sensibilmente maggiori rispetto alla zanzara tigre. L'estate scorsa abbiamo rilevato un caso davvero particolare, seppure isolato: la presenza di una colonia addirittura ad una altitudine di 1.500 metri''

13 dicembre - 17:52

Il gatto pare sia di casa Rifugio Predaia e dopo che gli escursionisti che lo hanno incontrato hanno postato delle foto su Facebook, in breve tempo, la storia di “Scòdega” è diventata virale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato