Contenuto sponsorizzato

Sull'A22 la benzina supera il tetto dei 2 euro al litro. Staffler: "L’Austria distrugge il mercato con un dumping sleale"

Alla stazione di servizio Nogarole Rocca il prezzo della benzina al ''servito'' è arrivato a quota 2,08 euro al litro mentre il diesel era a 1,96 euro. Una crescita esponenziale nonostante ancora debba cominciare l'estate

Pubblicato il - 12 giugno 2018 - 17:48

TRENTO. Era dal 2012 che non si superavano i 2 euro al litro ma sull'autostrada del Brennero, in questi giorni, si è tornati 6 anni indietro. Per l'esattezza alla stazione di servizio Nogarole Rocca il prezzo della benzina al ''servito'' è arrivato a quota 2,08 euro al litro mentre il diesel era a 1,96 euro. Una crescita esponenziale nonostante ancora debba cominciare l'estate (periodo dell'anno durante il quale storicamente i prezzi crescono) e nonostante non ci siano particolari rincari nel prezzo del petrolio. 

 

Cosa sta succedendo allora? Il problema sarebbe da cercare nella vicinanza con l’Austria: "È un circolo vizioso e assurdo — ha spiegato Haimo Staffler, presidente dell’Associazione liberi distributori dell’Alto Adige — perché l’Austria distrugge con un dumping sleale sul prezzo del gasolio ogni concorrenza, costringendo i distributori a sud del Brennero ad alzare ulteriormente i prezzi, perdendo così ancora più clienti. Con i Tir di lunga percorrenza, che hanno serbatoi da 1.600 litri — aggiunge Staffler — facendo il rifornimento in Austria risparmi anche più di 600 euro a pieno. In questo modo l’Austria attira Tir da mezza Europa e poi si lamenta per l’aumento di traffico sull’asse del Brennero. Non si fa così tra vicini". 

 

Ma il mercato è libero ed essere un territorio di confine ha i suoi pro e i suoi contro. Dal canto suo l'Italia resta il Paese con il più alto prezzo della benzina in Europa, secondo solo ai Paesi scandinavi e all'Olanda. La ragione è presto detta: paghiamo tasse antichissime che risalgono alle sventurate esperienze coloniali, come la guerra d'Etiopia del 1936. Il nuovo governo Lega - 5 Stelle ha previsto di eliminare le ''componenti anacronistiche delle accise sulla benzina''. In realtà le diverse accise, oggi sono unificate in un'unica imposta fissa di 0,728 euro al litro sulla benzina e di 0,61740 per il gasolio.

 

Per ridurla di un quarto serviranno, però, circa 6 miliardi di euro che andranno pescati da qualche altra parte.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato