Contenuto sponsorizzato

Tfr dei dipendenti pubblici, scatta l'offensiva in tribunale: "Basta ritardi, serve un'equiparazione tra pubblico e privato"

L'obiettivo è quello di portare all'attenzione della Corte costituzionale il caso delle liquidazioni dei lavoratori pubblici e per questo la Cisl Fp lancia una petizione online. Una raccolta firme in grado di superare la barriera delle 5 mila sottoscrizioni nel giro di appena 24 ore. Pallanch: "Situazione non accettabile"

Di Luca Andreazza - 08 febbraio 2018 - 12:47

TRENTO. L'obiettivo è quello di portare all'attenzione della Corte costituzionale il caso delle liquidazioni dei lavoratori pubblici e per questo la Cisl Fp lancia una petizione online. Una raccolta firme in grado di superare la barriera delle 5 mila sottoscrizioni nel giro di appena 24 ore. Firme virtuali di questa petizione nazionale ideata dal segretario nazionale Maurizio Petriccioli (Qui link). 

 

"Non è accettabile - spiega Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp del Trentino - che i Tfr dei dipendenti pubblici vengano erogati dopo due anni dalla cessazione del rapporto di lavoro: azioni in netto ritardo rispetto al settore privato". 

 

E' scattata così in tutta Italia l'offensiva per presentare ai tribunali del lavoro una serie di cause al fine di ristabilire una vera equiparazione dei tempi di erogazione del Tfr tra lavoratori del pubblico e del privato

 

"Scopo dell'iniziativa - prosegue il segretario - è quello di sollevare il giudizio di legittimità costituzionale sulle norme vigenti. In Italia, a differenza del settore privato nel quale si parla solo di Tfr, i dipendenti pubblici accedono al Tfs, cioè il trattamento di fine servizio. 

 

Il Tfs interessa tutti i lavoratori assunti a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2000, mentre il Tfr si applica al personal assunto a tempo indeterminato o determinato solo successivamente a quella data. "A seconda dei motivi di cessazione del rapporto aggiunge la Cisl - la legge stabilisce i tempi di attesa per l'erogazione del trattamento".

 

Si va così da un minimo di 105 giorni in caso di decesso o inabilità del lavoratore a 2 anni per una serie di casi come la pensione anticipata. "Per questo - dice il segretario - abbiamo portato all'attenzione dei decisori pubblici la necessità di rimettere mano a questa normativa che crea un'ingiustificata disparità. Questi sono soldi che i dipendenti accantonano durante la propria vita lavorativa: una parte della retribuzione e non è comprensibile in questo contesto di emergenza economica portare avanti questa anomalia".

 

Per il sindacato questa norma violerebbe, infatti, il principio di eguaglianza degli articoli 2 e 36 della Costituzione. "Se si allontana nel tempo - conclude Pallanch - la liquidazione di queste somme, le stesse perdono progressivamente la proporzione di quantità e qualità del lavoro a causa dell'erosione del potere di acquisto della moneta". 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 settembre - 15:57
Sono stati analizzati 3.706 tamponi tra molecolari e antigenici. Sono stati trovati 7 positivi tra under 19 e 1 caso tra gli over 60. Ci sono [...]
Cronaca
19 settembre - 14:02
Alla Bookique di Trento, martedì 21 settembre alle 18 e 30, si terrà l'ultimo incontro della Rassegna Generazione 2021 alla quale parteciperà, [...]
Cronaca
19 settembre - 15:04
Molto probabilmente il conducente è stato tradito dall’asfalto reso bagnato dalla pioggia perché a un certo punto il mezzo si è imbarcato per [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato