Contenuto sponsorizzato

Verso le elezioni Rsu, in 8 mila alle urne e la Cisl presenta i 120 candidati: "Tutti uniti per valorizzare le professionalità"

La piattaforma comprende diverse manovre per valorizzare il comparto e le professionalità. Giuseppe Pallanch: "Un momento per misurare il coinvolgimento dei lavoratori che ogni giorno si impegnano nella qualità dei servizi"

Di Cisl Fp, spazio autogestito - 12 aprile 2018 - 13:15

TRENTO. Sono quasi 8 mila i dipendenti dei comparti pubblici tra statali, sanità e agenzie chiamati alle urne per votare i rappresentanti delle Rsu. Le date in agenda sono quelle dal 17 al 19 aprile prossimi.

 

"Un momento importante - commenta Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp - per misurare la partecipazione e soprattutto diventare protagonisti delle scelte politiche in questo contesto storico molto fluido. In particolare la sanità deve declinarsi al plurale e le Rsu possono e devono giocare un ruolo fondamentale nella discussione del contratto: un accordo che deve riguardare tutte le professioni".

 

La Cisl Fp riparte dalla propria piattaforma, aperta a tutti: "Abbiamo bisogno - aggiunge Silvano Parzian - del contributo dei lavoratori, che vivono quotidianamente le tematiche sanitarie e si impegnano ogni giorno per la qualità dei servizi".

 

Il sindacato, ancora in attesa delle risposte dell'assessore Luca Zeni, preme per avviare quel processo di valorizzazione del comparto attraverso il riconoscimento e le riqualificazioni delle diverse funzioni. 

 

"La campagna elettorale - prosegue Pallanch - in questo senso sta riservando sorprese e altre organizzazioni sindacali propongono risorse per tutti i settori e moltiplicano la distribuzione dei 5 milioni di euro. Noi le nostre ipotesi le abbiamo già fatte in tempi non sospetti e sollecitiamo inoltre di quantificare le risorse distributive".

 

La risposta dei lavoratori targati Cisl non è mancata, sono ben 120 i candidati in corsa per entrare nelle Rsu e rappresentare le esigenze e le criticità dei diversi settori.

 

"E' importante - afferma il candidato Sandro Pilotti - mostrare unità e presentarsi coesi ai tavoli provinciali per riuscire a valorizzare tutti". "Ci aspettiamo un'alta partecipazione - commenta l'altro candidato Alfio Traverso - questo può essere una chiamata alle urne che apre un nuovo discorso tra sindacati e aziende".

 

 

E nella piattaforma aperta rientrano diverse manovre, come i 15 euro mensili aggiuntivi per tutto il personale appartenente alle categorie A, B, C, il rimborso della tassa di iscrizione al collegio se obbligatoria e un percorso certo di armonizzazione contrattuale economica e giuridica per tutto il personale sanitario e non, ma anche l'aggiornamento delle indennità di turno orario notturno, la riqualificazione giuridica e economica degli operatori socio sanitari e la valorizzazione del personale amministrativo, tecnico e operaio.

 

"Un comparto - conclude Pallanch - che necessita di un cambio di passo e un ammodernamento. Sono tanti i punti all'ordine del giorno che la Cisl intende migliorare. Intendiamo aprire la discussione a 360 gradi per affrontare il futuro degli Oss e della sanità trentina: sollecitiamo ancora l'assessore Zeni a trovare misure, in questo mese abbiamo incontrato lavoratrici e lavoratori e servono contromisure oppure piani di rilancio".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato