Contenuto sponsorizzato

Via libera al Decreto dignità, Conzatti: ''Decreto visibilità per Di Maio'', gli artigiani: ''Forte delusione''

Via libera al testo con 155 voti favorevoli, 125 contrari e un astenuto. Andrea De Bertoldi (Fratelli d'Italia). "Questa non è dignità, è creare complicazioni alle imprese", Conzatti: "Volevamo emendare il decreto per rimettere al centro l'interesse dei lavoratori e delle imprese, non siamo stati ascolatati"

Di Luca Andreazza - 08 agosto 2018 - 16:13

TRENTO. Il Decreto dignità è stato approvato anche in Senato. Via libera al testo con 155 voti favorevoli, 125 contrari e un astenuto. Confermate le modifiche al capitolo del lavoro, come l'estensione degli incentivi alle assunzioni di under 35 fino al 2020, un'applicazione dei voucher nelle attività ricettive più estesa e una fase transitoria che esclude fino al 31 ottobre le strette sui contratti a termine.

 

E arrivano le prime reazioni. "E' un decreto visibilità - commenta Donatella Conzatti, senatrice in quota Forza Italia - vuoto di contenuti innovativi, anche nella parte fiscale. Un provvedimento che non abroga spesometro, split payment, redditometro e inversione dell'onere della prova. E' solo un documento che serve a Luigi Di Maio per conquistare un po' di spazio mediatico".

 

"Volevamo emendare il decreto - aggiunge la senatrice - per rimettere al centro l'interesse dei lavoratori e delle imprese. Invece ogni proposta è stata bocciata, comprese quelle per la decontribuzione dei contratti a tempo determinato trasformati in indeterminato, riduzione del cuneo fiscale, compensazione dei crediti tributari con le cartelle a regime e riduzione della tassazione".

 

Alcune indicazioni di Forza Italia trovano comunque spazio: "Entrano nell'agenda di governo - prosegue Conzatti - alcuni nostri progetti fiscali, quali credito d’imposta per gli investimenti in agricoltura, scadenza annuale dello spesometro e la sua abrogazione,  conservazione dei documenti informatici trasmessi alle Pubblica amministrazione e abrogazione dello split payment".

 

Prima del voto, negativo in Aula anche il commento di Andrea De Bertoldi di Fratelli d'Italia. "Se l'intento - dice - era quello di andare verso la decrescita felice, forse ci state riuscendo. Le piccole imprese stanno reagendo con rabbia a questo decreto che impone lacci e lacciuoli. Questa non è dignità, è creare complicazioni alle imprese".

 

Negativo il parere anche di Cna del Trentino Alto Adige. "La conversione in legge del decreto - spiega il presidente Claudio Corrarati - senza prestare attenzione alle preoccupazioni sulle modifiche ai contratti a tempo determinato, in particolare da artigiani e piccole imprese, non può non lasciare dietro di sé una fortissima delusione”.

 

E Cna propone alcune cifre per spiegare meglio la delusione per l'approvazione del Decreto dignità. L'analisi dell'occupazione in Italia, ma anche in Europa, mostra che  il Bel Paese è nella media e non rappresenta nessuna eccezione.

 

“Questo decreto – prosegue Corrarati - non costruisce strumenti nuovi e più efficaci per coniugare mercato, regole e diritti dei lavoratori, ma modifica in senso peggiorativo strumenti ben funzionanti e efficienti come i contratti a tempo determinato. Prima di dipingere l’Italia, e quindi anche le province di Trento e Bolzano, come un Paese in emergenza per la precarizzazione del lavoro, bisogna rendersi conto che la ripresa dell’occupazione in questi anni è stata possibile proprio per una legislazione adattiva in grado di far incontrare domanda e offerta: questo ha consentito a migliaia di lavoratori di uscire dal 'nero', da un precariato fatto di finte partite Iva, di finti soci di cooperative e di poter disporre della protezione piena di un contratto collettivo con tutele, garanzie e diritti".

 

La quota di occupati con contratto a tempo determinato, pari al 12,1% è esattamente in linea con il dato dell’Unione europea, e addirittura più bassa rispetto a quella media dell’area euro, 13,7%. La Francia si colloca a quota 14,8%, l’Olanda è al 18,1%, il Portogallo al 19% e in Spagna quasi un lavoratore su quattro ha un impiego a tempo determinato 22,4%.

 

“In Europa, però - commenta il presidente regionale della Cna - nessuno si sognerebbe di pensare che un contratto a tempo determinato è un 'contratto a bassa dignità' o 'a dignità limitata' per il lavoratore rispetto al contratto a tempo indeterminato. Avevamo chiesto, piuttosto, di fare una cosa semplice. Reintrodurre i voucher per tutte quelle micro e piccole imprese che ne hanno spesso bisogno per limitate esigenze di lavoro e di produzione. Non siamo stati ascoltati e il problema resta, e prima o poi occorrerà metterci mano per risolverlo".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 19:35

Seggi aperti dalle 6 alle 22, lunedì lo spoglio. Sono 427.450 i trentini e le trentine chiamate alle urne per eleggere il nuovo Consiglio provinciale. Ecco tutti i candidati, nome per nome e lista per lista

20 ottobre - 20:34

L'avevamo trovato l'ultima volta al gazebo di piazza Dante, in quell'occasione si era mostrato fiducioso, ma alla fine è rimasto escluso. Non è riuscito a raccogliere le 500 firme: "Sono il cambiamento, ma mi hanno ostacolato con la doppia preferenza e la burocrazia"

20 ottobre - 19:14

Gli altri motociclisti che si trovavano con lui, non vedendo più alle loro spalle, sono tornati indietro e lo hanno trovato in fondo ad una scarpata. Sul posto vigili del fuoco volontari di Brentonico, carabinieri, Croce Rossa e elicottero 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato