Contenuto sponsorizzato

Accoglienza, la protesta dei lavoratori dopo i tagli della Provincia: "Sicurezza è uguale a disoccupazione?''

I molti sono tornati nuovamente a protestare il mancato avvio del tavolo sulle ricollocazioni, promesso dal presidente Fugatti ​

Pubblicato il - 29 maggio 2019 - 19:50

TRENTO. “I nostri diritti non sono stati rispettati” è forte e chiaro il messaggio che questa mattina i lavoratori dell'accoglienza e i sindacati (Cgil, Cisl e Uil e le categorie Fp Cgil, Cisl Fisascat e Uil Fpl) hanno mandato alla Giunta provinciale.

 

I molti sono tornati nuovamente a protestare il mancato avvio del tavolo sulle ricollocazioni, promesso dal presidente Fugatti nell’incontro con Cgil Cisl Uil del 14 gennaio scorso e mai attivato.

 

Come noto il tavolo dovrebbe coinvolgere i sindacati e tutti i soggetti interessati - Federazione Trentina della Cooperazione e singole Cooperative ed Enti del Settore - per affrontare il tema dei tagli al sistema dell’accoglienza e delle ripercussioni occupazionali delle misure in progetto.

 

Ad oggi nulla è ancora stato fatto, mentre più di un centinaio di lavoratori rischiano di restare senza occupazione; diversi hanno già perso il posto di lavoro nel silenzio totale della Provincia e della Federazione. Non sono state paventate né possibili misure di ricollocazione straordinaria degli esuberi, né altri interventi per gestire la crisi occupazionale.

 

La mobilitazione è stata supportata dalla Rete degli Operatori dell'Accoglienza, giovani preparati e professionalmente impegnati nel settore, che vedono svanire sul territorio la possibilità di mettere a frutto i percorsi di studio e le esperienze maturate nell’ambito dell'accoglienza e del sostegno agli ultimi.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 05:01

I deputati Sutto e Binelli alle comunali hanno raccolto rispettivamente 45 e 113 preferenze, avrebbero dovuto tirare la volata ma alla fine sono stati trascinati in Consiglio dai candidati locali. Male le candidate sindache leghiste Cattoi ad Ala, Ceccato a Lavis e Parisi a Comano: nessuna supera supera il 30%

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato