Contenuto sponsorizzato

Guide turistiche in rivolta contro la proposta del Patt di aprire i monumenti agli accompagnatori volontari senza patentino

La replica di Antonina Filosa, presidente dell’Associazione Guide e Accompagnatori Turistici del Trentino: "Perché la Provincia, anziché istituire dei ciceroni volontari, non indice un concorso di accesso alla professione per i giovani laureati, come avviene in altre regioni d'Italia?”

 

 

Di Tiziano Grottolo - 11 luglio 2019 - 13:08

TRENTO. Come se la precarietà del lavoro, i compensi non sempre adeguati e la concorrenza degli abusivi non fossero abbastanza ora ci pensa anche il mondo della politica ad aggiungere un altro ostacolo sulla strada della guide e degli accompagnatori turistici trentini.  

 

Risale infatti al primo luglio la mozione presentata in consiglio provinciale dal gruppo del Patt, la prima firma è di Lorenzo Ossana, dal titolo: ‘Valorizzazione dei beni immobili di valenza storica e artistica a fini culturali e turistici attraverso il coinvolgimento di accompagnatori volontari’. L’obiettivo annunciato è quello di ampliare l’offerta turistica e garantire la presenza di una o più guide volontarie che spieghino ai visitatori gli aspetti storici, artistici e architettonici dei beni.

 

A stretto giro è però arrivata la replica di Antonina Filosa, presidente dell’Associazione Guide e Accompagnatori Turistici del Trentino, che boccia la proposta autonomista: “La professione della guida turistica non si improvvisa – afferma Filosa – come molte altre professioni, è il frutto di un percorso articolato, istituzionalizzato non solo a livello locale, ma nazionale e internazionale”.

 

Secondo quanto fa notare la presidente delle guide trentine la svalutazione della professione di guida turistica penalizza soprattutto l'utente finale da un lato e i giovani che si avvicinano alla professione nella speranza di trovare una collocazione professionale dall’altro. “Questi giovani – spiega sempre Filosa – si vedono sbarrate le strade o comunque si trovano davanti a un percorso a ostacoli, dove gli ostacoli sono costituiti dai numerosi esercenti la professione abusivamente e ora pure dai ciceroni volontari”.

 

Gli standard applicati fino ad ora per l'accesso alla professione di guida turistica e a quella di accompagnatore sono molto elevati, certificando nei fatti la preparazione degli operatori che conseguono il patentino.

 

“Ho conosciuto molti giovani che desiderano esprimere la propria sensibilità e conoscenza del Bene Culturale e che si vedono davanti un percorso estremamente in salita – conclude Filosa – perché dunque la Provincia, anziché istituire dei ciceroni volontari, non indice un concorso di accesso alla professione per i giovani laureati, come avviene in altre regioni d'Italia e come è avvenuto in Sudtirolo nel 2017?”.

 

Di seguito pubblichiamo la lettera integrale a firma di Antonina Filosa, presidente dell’Associazione Guide e Accompagnatori Turistici del Trentino.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 18:47

Ancora nulla di definito in Trentino rispetto al Dpcm comunicato in giornata dal presidente Giuseppe Conte. Il presidente Maurizio Fugatti: "Stiamo lavorando all'ordinanza. Pensiamo che se ci sono i protocolli per tenere bar e ristoranti aperti a pranzo, si possa chiudere dopo cena". Sulla didattica a distanza, invece, il Trentino tira dritto. "Il comitato scientifico ci ha detto che possiamo proseguire così"

25 ottobre - 14:02

Sarebbe stato un malore a portarsi via Nicola Bevilacqua di 36 anni. E' successo a Valdagno e l'uomo sarebbe stato colpito da un arresto cardiocircolatorio

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato